Ti ricordi di me? recensione film

A quasi un anno di distanza dall’esordio come regista con Tutti contro tutti, l’attore Rolando Ravello torna dietro la macchina da presa per dirigere una delle coppie cinematografiche italiane del momento: Ambra Angiolini ed Edoardo Leo che, dopo Viva l’Italia e Ci vediamo a casa, tornano a recitare insieme in Ti ricordi di me?, tratto dall’omonimo spettacolo teatrale di Sergio Zecca del 2012 che ha visto protagonista proprio il duo di attori.

 

In Ti ricordi di me? Roberto (Edoardo Leo) e Bea (Ambra Angiolini) si conoscono dalla terapista che li ha in cura. Lui è un cleptomane e autore di favole improbabili. Lei fa l’insegnante elementare, è narcolettica e, se colta da forti shock emotivi, reagisce con improvvise perdite di memoria. Per questo motivo, Bea porta sempre con sé un libro in cui annota tutto ciò che le succede. Roberto inizia da subito a corteggiarla in modo buffo ma tenace… un corteggiamento che finirà per far innamorare Bea.

Ti ricordi di me?, il film

Adattato per il grande schermo da Paolo Genovese ed Edoardo Falcone in collaborazione con lo stesso Leo, il film assomiglia a una vera e propria favola che, nonostante la presenza di diverse situazioni surreali, riesce a rimanere ancorato ad una matrice fortemente connessa alla realtà. Merito dell’accurato lavoro apportato dal trio di sceneggiatori, lodevoli di aver dato alla luce un adattamento che, pur distaccandosi completamente dall’opera teatrale originale,  si contraddistingue per intelligenza e creatività; un’impostazione del racconto decisamente emotiva, fatta di possibilità, di tenerezze, piccoli miracoli e guizzi artistici.

Un film, dunque, che parla il linguaggio del cinema, non solo nel racconto della storia, ma anche nelle scelte di regia e, soprattutto, nell’interpretazione degli attori protagonisti. Edoardo Leo e Ambra Angiolini sono bravissimi nel dare vita ai moti interiori dei loro personaggi, portandone fuori sia il bello che il brutto senza alcun tipo di filtro. Quello che ne deriva è una complicità in grado di creare due persone che all’inizio sembrano non avere nulla in comune, ma che, alla fine, troveranno proprio nelle loro “stranezze” il punto dal quale partire per costruire la loro relazione. Il resto viene fatto dall’ottimo cast di supporto, in particolare da Paolo Calabresi, il cui personaggio di Francesco risulta funzionale allo sviluppo del lato vagamente comico di una pellicola che non fa (e che non deve far) ridere, ma che ti lascia con il sorriso dall’inizio alla fine.

Ti ricordi di me? è una commedia sentimentale ricca di vere idee. Una favola d’amore forte e coinvolgente, scritta davvero bene, sorretta da una regia delicata e molto personale, e recitata da una coppia di attori in perfetta sintonia. Il film uscirà al cinema il 3 Aprile.