You’re Next recensionePer festeggiare il loro anniversario di matrimonio, i coniugi Davison decidono di radunare i loro quattro figli e relativi consorti in una casa isolata. I festeggiamenti paiono svolgersi al meglio, fatta eccezione che per i soliti bisticci e rancori di famiglia. Ben presto però la residenza viene attaccata da quattro sconosciuti che indossano maschere da animali, armati di balestre e asce. Il gruppo si ritrova così braccato come in una trappola per topi.

Le minestre riscaldate, si sa, non piacciono a nessuno, specialmente quelle cinematografiche, e se è vero che esistono alcuni generi intoccabili, l’home invasion è uno di questi. Adam Wingard non sembra porsi minimamente il problema, e con il suo You’re Next confeziona un prodotto-fotocopia che nulla aggiunge ad un filone ormai rinsecchito, se non una sana dose di citazionismo. You’re Next recensione posterAllontanandosi anni luce dalle morbose violenze di Funny Games, dall’inquietante realismo di The Strangers e dalle cupe visioni futuribili del recente The Purge, Wingard si lascia cullare da una cacofonia di clichè che fuoriescono da una sceneggiatura arida e legnosa scritta in collaborazione con l’amico e storico supporter Simon Barrett, che purtroppo non è minimamente in grado di bissare l’ottima esperienza di A Horrible Way to Die. La storia si ingolfa, deraglia e implode su una narrazione fin troppo lineare e prevedibile, in grado di rendere banali anche i (non pochi) colpi di scena, seminati con la chiara intenzione di salvare il salvabile di un prodotto marcio in partenza. A nulla possono le prestazioni più che dignitose di un cast che comprende Sharni Vinson, eroina di Step Up 3D qui in veste di vendicatrice ammazzatutti, affiancata dall’ormai premiata ditta Wingard composta da Nicholas Tucci, Wendy Glenn, AJ Bowen e l’amico-regista Ti West. Degna di nota è la presenza, ritorno di gloria, di Barbara Crampton (Re-Animator e Omicidio a luci rosse), la quale però, alla pari dei suoi colleghi, si ritrova in bocca dialoghi scartavetrati, da vero manuale horror per adolescenti. A nulla poi serve l’uso ossessivo e ripetitivo del contrappunto musicale, che dovrebbe creare angoscia e oppressione ed invece già alla mezz’ora rischia di far innervosire anche i più quieti spettatori. Wingard ce la mette tutta, ma cade sempre sullo stesso punto: il già (troppo) visto. Anche l’uso, per atro originale, delle armi arcaiche impiegate dai killers finisce per dare al tutto una venatura di eccessivo grottesco e malsano humor che farebbe rizzare i capelli perfino a Peter Jackson, come a voler calcare troppo sul pedale dell’auto ironia senza avere il controllo del mezzo filmico. Comunque però, pur attenendoci al sacro undicesimo comandamento del cinema (non spoilerare) vale la pena avvisare lo spettatore che, dopo la visione del film, non sarà più possibile usare un frullatore allo stesso modo.