Iron Man 2: sono passati sei mesi da quando Tony Stark ha rivelato di essere l’eroico Iron Man e ora si trova costretto prendersi le responsabilità della sua invenzione.

 

Non solo deve risolvere problemi tecnici dell’armatura che piano piano lo sta uccidendo, ma deve anche affrontare l’esercito, che vuole a tutti i costi utilizzare l’armatura per scopi militari, ed il governo americano che non vede di buon occhio il clima di pace creato dal supereroe. Ma tra la stravagante Fiera Mondiale Stark Expò e una corsa automobilistica promozionale, Iron Man deve affrontare anche un nuovo nemico, Ivan Vanko, figlio di un vecchio collaboratore del padre di Tony, che, sovvenzionato dalla grande avversaria della Stark, la Hammer, si fa avanti con una nuova arma devastante. Attaccato da più parti, Stark/Iron Man è costretto a chiedere l’aiuto di vecchi e nuovi alleati per risolvere tutti i suoi problemi.
Finalmente dopo due anni arriva l’attesissimo sequel di Iron Man con il sempre più carismatico Robert Downey Jr. che con i suoi modi eccentrici e irresponsabili è ora fiancheggiato non solo dalla bellissima Gwyneth Paltrow  ma anche da una sexy combattente interpretata da Scarlett Johansson e dal formidabile Mickey Rourke che riesce benissimo nella parte del cattivo violento e nichilista con un impeccabile accento russo.

 

Cosa voglio di più: Anna ha una vita serena, un lavoro sicuro dove viene molto apprezzata ed un compagno, Alessio, con cui pensa di avere un bambino. Ma questa tranquillità viene rotta dall’arrivo di Domenico, un cameriere conosciuto ad una festa, sposato e con due figli. Tra i due scatta la scintilla. Anna, che credeva di avere tutto e di essere felice, scopre la passione, l’amore che fa compiere follie, che sembra non dare certezze. Mentre i due si incontrano clandestinamente in un motel ad ore, Alessio difende fermamente il suo rapporto con Anna e finge di non vedere, dalla parte opposta Miriam, moglie di Domenico, non vuole far finta di niente e diviene sempre più irrequieta. Tra litigate, incontri segreti e bugie, Anna stanca della situazione chiede e pretende di più, ecco allora che le due famiglie si intromettono e lo pseudo equilibrio si rompe. Tra separazioni e ritrovamenti alla fine i due fuggiranno insieme senza sapere dove andare e cosa fare.
Questo nuovo film di Silvio Soldini è un viaggio nel mondo moderno dove certezze e sicurezza economica vengono a mancare, dove anche nei rapporti sentimentali niente è dato per scontato e nessuno può avere la tranquillità che tanto desidera. Una vita apparentemente serena e piena di certezze a tal punto da desiderare un bambino viene sconvolta da un semplice sguardo, da una scintilla che rompe un equilibrio il tutto aggravato dall’instabilità economica e dalle poche certezze del mondo circostante…è una situazione sempre più frequente ai giorni nostri!

The last song: Ronnie (Miley Cyrus) e il suo fratellino sono costretti a passare le vacanze estive a casa del padre che si trova in una piccola cittadina del North Carolina. Ronnie, adolescente scontrosa, non ha un ottimo rapporto con il padre Steve, sopratutto dopo che i genitori hanno divorziato. Da parte sua Steve cerca in tutti i modi di recuperare il rapporto con la figlia facendo leva sull’unica cosa che li accomuna, la passione per la musica. Nel frattempo Ronnie ha un incontro scontro con un ragazzo del posto, Will, con il quale presto scatterà la scintilla…ma la tragedia è dietro l’angolo!
Tratto dal romanzo di Nicholas Sparks il film, diretto da Julie Anne Robinson, è una storia di amicizia, d’amore e di famiglia che (anche se il finale sembra scontato!) strapperà qualche lacrima al pubblico più sensibile. Da sottolineare è la presenza di Miley Cyrus, meglio conosciuta come Hannah Montana, che al suo primo film non rende benissimo nella parte che le hanno assegnato… fortuna che c’è Greg Kinnear!

Vendicami: Frank Yuma chiamato Costello è un ex killer che ormai da venti anni vive in Francia come chef. Infatti dopo essere stato accusato di collaborare con l’FBI, il sindacato del crimine organizzato per cui lavorava decise di farlo fuori….fortunatamente con esito negativo. Purtroppo però il passato torna sempre e dall’altra parte del mondo, precisamente in Cina, la famiglia di sua figlia viene uccisa per mano di sicari, lasciando la povera donna vedova e senza più i suoi due bambini. Costello decide allora di partire per vendicarsi, assolda tre killer e tra una strana perdita di memoria e sparatorie mozza fiato cerca in tutti i modi di compiere la sua missione.
Nuovo film del regista cinese Johnnie To che unisce la classica storia gangster americana, fatta di sparatorie, vendetta, classica amicizia tutta al maschile tra i killer con una recitazione sia inglese che cantonese e con attori di diverse nazionalità. Il protagonista è infatti il famoso attore francese Johnny Hallyday  affiancato da due attori altrettanto famosi, i cinesi Anthony Wong (per metà inglese) e Simon Yam. Un film che non è solo sparatorie ma che vede messi in scena anche i sentimenti e le emozioni dei protagonisti.

Gli amori folli: poco dopo essere uscita da un negozio di scarpe, a Marguerite, dentista e pilota di aerei leggeri,  viene rubata la borsa da un uomo che però svuota tutto il suo contenuto nel parcheggio di un centro commerciale. Proprio qui, Georges ritrova il portafoglio della donna e, anche se sposato e con figli, comincia a fantasticare su Marguerite, finchè non arriva alla polizia e denucia il ritrovamento del portafoglio preoccupandosi di lasciare le sue generalità sperando così di incontrare la donna. Da parte sua Marguerite incuriosita cerca Georges per ringraziarlo e, dopo i soliti convenevoli di ringraziamneto, tra i due scatta il colpo di fulmine che finirà per stravolgere le loro vite.
Nuovo film per il regista francese Alain Resnais, che riesce perfettamente a rappresentare l’amore e tutte le sue stranezze con una leggerezza e nel frattempo con una precisione  da fare invidia. I suoi protagonisti sono folli e impulsivi proprio come l’amore che li travolge, un amore così profondo e irrazionale che sconvolge la vita. Drammatico si, ma con toni da commedia sopratutto nei dialoghi tra Georges e Marguerite e tra entrambi e la moglie di lui.

La fisica dell’acqua: Alessandro è un bambino di sette anni ossessionato dalla fisica meccanica e con una grande fobia dell’acqua. In una notte di luna piena si trova stranamente ad uscire dalle acque del lago che si trova di fronte alla sua casa, dove abita solo con la madre Giulia. Quando era molto piccolo infatti Alessandro ha perso suo padre per uno strano incidente dove muore affogato. Un giorno di ritorno dall’Australia, arriva Claudio, cognato di Giulia, intenzionato a vendere la villetta dove abitano i due. Alessandro, senza capirne il motivo, prova uno sentimento di repulsione per lo zio, tanto che decide di manomettere i freni della sua auto….il problema è che all’ultimo minuto sale sulla macchina anche Giulia. Il piccolo inizia così una disperata corsa nel tentaivo di fermare l’auto, ma sfortunatamente non riesce ad evitare l’incidente. Portato alla centrale di polizia, Alessandro viene così interrogato da un poliziotto che tenta di fare luce sulla vicenda e sulla morte di suo padre.
Il regista Felice Farina ha dato vita con questo film ad una storia dove la mente umana è la protagonista, infatti è proprio l’inconscio del piccolo Alessandro ad essere analizzato. Paura, rabbia, frustrazione, sono tutte emozione che nascono all’arrivo dello zio e che lo stesso Alessandro non riesce a spiegare. Un thriller psicologico che ci porta nei meandri della mente di un bambino e dove la soluzione più ovvia è quella meno vera.

Oceani 3D: siamo sul dorso di una tartaruga ed osserviamo la vita, i colori e le affascinanti creature degli oceani accompagnati dalle simpatiche voci di Aldo, Giovanni e Giacomo che non sanno di essere tre uova di tartaruga ma pensano di essere su una astronave alla scoperta di “le grand bleu”. Girato in più di 60 locations (in un viaggio che parte dalle Kelp Forests della California, passa per la Grande Barriera Corallina Australiana fino alla Roca Partida in Messico), nel corso di più di 7 anni di riprese, questo è il primo film subacqueo girato interamente in Digital 3D. A partire dalle affascinanti danze della manta gigante, dagli incredibili squali martello, dai giochi dei giovani delfini fino ad arrivare alle enormi balene, questo film ci mostra la straordinaria bellezza e armonia degli oceani dove tutto sembra senza tempo e dove purtroppo anche lì è arrivata la mano dell’uomo. Alla fine del film infatti ci vengono mostrate tutte le specie viste e ci vengono indicati i rischi di estinzione. Insomma un opera non solo bella ma anche utile questa prodotta da Jean-Michel Cousteau, figlio di Jacques, rifatta in maniera tutta italiana con le voci di tre simpatici comici.

Sotto il Celio Azzurro: “Celio Azzurro” è un asilo che sorge nel famoso parco del Celio nel cuore di Roma dove vengono presi solo bambini di famiglie indigenti con priorità per quelle immigrate. Nonostante la passione e la voglia di lottare dei suo insegnanti e dei suoi fondatori, Celio Azzurro arranca nella sua opera essendo finanziato solamente dallo stato (i cui finanziamenti sono sempre più scarsi!) e non avendo altre entrate per far fronte all’aumento dei bambini. Questo documentario girato da Edoardo Winspeare con riprese di un intero anno scolastico, non spiega solamente la difficile missione che si sono posti gli insegnanti, cioè quella di integrare bambini di diverse nazionalità rispettando le loro tradizioni e nel frattempo educare anche i loro genitori alla realtà italiana, ma racconta anche la storia personale di chi lavora nell’asilo con continui flashback. Arrivano anche degli ex alunni ormai grandi che spiegano come gli insegnamenti ricevuti gli abbiano permesso di andare avanti, di crescere. Il film è un immersione nella vita vera di questi individui, nella loro realtà, c’è anche la volontà di denunciare le carenze della struttura e fare in modo che i fondi per sovvenzionarla aumentino invece di rischiare una sua chiusura.