The Marvels registra l’apertura al Box Office più bassa di sempre, perché è andato cosi male?

-

La spinta dell’ultimo minuto per The Marvels con l’apparizione della star Brie Larson al The Tonight Show di venerdì e in un teatro a New York dopo lo sciopero degli attori non ha aumentato gli incassi del fine settimana per l’ultimo film dei Marvel Studios. La pellicola si colloca per 3 giorni al minimo delle stime di ieri con 47 milioni di dollari ha fatto registrare il valore più basso di sempre per il Marvel Cinematic Universe della Disney.

Lo Studios e i commentatori non potranno giustificare la deludente performance con il minutaggio del film per questi deludenti risultati (dura appena 97 minuti rispetto ad altri titolo dell’MCU che hanno una media di oltre 2 ore). Il sabato di The Marvels è stato di solo 15,3 milioni di dollari nel North America, con un -30% rispetto alle anteprime/venerdì di 21,5 milioni di dollari. In tutto il mondo ha racimolato appena 110 milioni, che è anche il risultato più basso per l’MCU e inferiore ai 140 milioni di dollari previsto dagli analisti. 

A questi deludenti dati va aggiunto che il film The Marvels ha ottenuto uno dei tanti CinemaScores post-pandemia con una “B” esattamente come Doctor Strange nel multiverso della follia (B+), Thor Love & Thunder (B+), Eternals (B) e Ant-Man and the Wasp: Quantimania (B). Le uscite PostTrak di Comscore/Screen Engine sono peggiori, con 3 stelle e mezzo e un 73% di positività.

A detta di tutti e di tutte le fonti, è un risultato disastroso per un film dei Marvel Studios da 200 milioni di dollari. Ma secondo gli analisti di Deadline non è da imputare alla “stanchezza dei supereroi” o come alcuni sostengono che i grandi film tratti dai fumetti  stanno ora  affrontando una stanchezza simile a quella affrontata dai musical di Hollywood degli anni ’60. 

Secondo il noto sito non è questa la ragione, anche se riconosce che i fattori sono molteplici. Ma sottolinea anche che gli irriducibili fan della Marvel sono un gruppo devoto e quando sanno che c’è un buon film in uscita arrivano in massa al cinema. Solo un anno fa, il sequel Wakanda Forever: Black Panther ha ottenuto una A, ed è stato nel mix degli Oscar con cinque nomination (e una vittoria), e ha aperto con la massiccia cifra di 181,3 milioni di dollari, per poi raggiungere quasi mezzo miliardo negli Stati Uniti e 859 dollari in tutto il mondo.

Inoltre, Guardiani della Galassia Vol. 3 non è andato troppo male per la Disney, con un’apertura di $ 118,4 milioni e $ 359 milioni nel Nord America e $ 845 milioni WW, ecc. Ottimi film sui supereroi vendono, e probabilmente la verità è che non c’era particolare entusiasmo nel ritorno di The Marvels al Comic-Con di San Diego. Secondo il sito americano la strategia del Marketing Disney ha fallito.

Nonostante lo sciopero degli attori, non c’è stata una sufficiente campagna di promozione sul film negli eventi dove i fan arrivano in massa come il San Diego Comic-Con, un evento che la Disney ha deciso da tempo di non presidiare come un tempo. 

Secondo l’analista la Disney avrebbe potuto almeno lanciare una featurette o un trailer ai fan per stupire i fan all’evento nella Hall H e mandarli in una frenesia sui social media. Il sito si chiede perché perdere questa opportunità con i 150.000 partecipanti? Secondo il sito sembra che la Disney fosse quasi consapevole che questo sequel era un disastro e dunque un marketing debole è parte di una strategia per ridurre al minimo le perdite.

Tuttavia, il sito cita che un programma di marketing è stato concentrato a promuovere pesantemente il film negli sport e nelle serie femminili (iSpot afferma che gli spot Marvel hanno avuto le migliori impressioni pubblicitarie su SOV: NFL (23,2%), MLB (7,1%), The Voice (3,2%) , College Football (3,0%), Ballando con le stelle (2,4%)),  ma sottolinea anche che non c’era nulla nel primo “debole” trailer che scatenasse il desiderio di vedere i fan della Marvel, né c’era niente nel trailer finale, che ha introdotto il cattivo del sequel, Dar-Benn, e ha gareggiato per collegare la proprietà ai film principali dei Vendicatori.

In definitiva l’articolo sottolinea che, il tracollo dei Marvels non riguarda la stanchezza dei supereroi. Riguarda la sovraesposizione da parte della Disney del marchio Marvel Cinematic Universe su Disney+, e quei buchi di strategia stanno cominciando a mostrare una debole strategia di base. L’analista suggerisce che la Marvel dovrebbe mantenere ciò che è destinato al cinema nei cinema e ciò che è destinato a essere utilizzato in casa in casa. Ciò significa che l’intero piano generale di streaming in streaming nel film non funziona, né è realmente collegato in modo sbalorditivo, e con Ms. Marvel che non è una delle serie migliori dei servizi OTT (alla WandaVision e Loki per intenderci) , c’è un intero gruppo di fan che non hanno amato Ms Marvel, o che ne sono rimasti troppo delusi da non voler vedere The Marvels.

Secondo PostTrak, il 64% del pubblico di The Marvels ha Disney+. Ma più precisamente, Marvel StudiosThe Marvels – con la sua serie crossover in streaming – sembra che sia stato costruito per essere visto nelle case, non per un pubblico che deve uscire di casa e andare al cinema.

È interessante notare che con l’imminente lancio di Echo su Disney+, Marvel ha marchiato la serie con una nuova etichetta, “Marvel Selects“, incoraggiando gli spettatori che questo tipo di contenuti non comporta loro un investimento nell’intero Marvel Cinematic Universe. Possono avvicinarsi a Echo come se fosse una serie unica. Questo cambiamento di posizionamento da parte dei Marvel Studios indica che si sta liberando dalla diffusione dell’MCU in programmi TV e film (questo nonostante il fatto che Echo  sia uno spin-off di Occhio di Falco e Daredevil).

L’idea di “diffondere lo spessore della Marvel su Disney+” è stata suggerita per la prima volta dal CEO Bob Iger, e poi portata avanti da Bob Chapek. Non è un segreto che la quantità di prodotti tutt’altro che stellari che la Marvel sta producendo dall’estendersi eccessivamente deriva da quel grande piano generale. Come ha spiegato Iger agli investitori in una recente conferenza sugli utili sulla scia di un anno poco brillante al botteghino Disney di Indiana Jones e il quadrante del destino, Ant-Man 3 ed Elemental: “Ho sempre pensato che la quantità possa essere in realtà un fattore negativo quando si tratta di qualità. E penso che sia esattamente quello che è successo. Abbiamo perso un po’ la concentrazione”.

Il ritardo della Disney nella prossima fase del MCU a causa dello sciopero degli attori – con Deadpool 3 che sarà l’unico film dello studio nel calendario del 2024, il 26 luglio – sebbene sia una maledizione immediata per i fan, potrebbe rivelarsi una benedizione  a lungo termine, poiché lo studio si concentrerà ora con più tempo sulla realizzazione di film migliori. Speriamo che l’assenza faccia riaffezzionare il cuore dei fan.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

- Pubblicità -