Alien Covenant

La criptica e martellante strategia promozionale messa in atto da Ridley Scott per incrementare la curiosità dei fan attorno al nuovo Alien Covenant sembra non volersi minimante arrestare, cosicché dopo i misteriosi messaggi cifrati comparsi in rete negli ultimi giorni e le sporadiche fotografie dal set i cui contenuti appaiono ad oggi tutt’altro che chiari, ecco pubblicata sull’account Twitter Alien Anthology una nuova immagine di scena che mostra un lungo, tortuoso e minaccioso corridoio (indicativamente facente parte della nave spaziale principale) che non può che richiamare immediatamente alla mente dei milioni di fan il design biomeccanico elaborato dall’artista surrealista svizzero H.R. Giger per la saga originale di Alien.

 

Alien Covenant

Come si può ben notare dall’immagine qui proposta il corridoio della spaceship del nuovo Alien Covenant si mostra perfettamente in linea con l’estetica cupa e minacciosa del capitolo originale datato 1979, laddove la simbiosi fra tecnologico e meccanico immaginata da H.R. Giger fa appare tutt’ora le strutture come fossero interno di un corpo vivente, con tanto di ossatura, muscolatura e fluidi annessi. L’immagine, come di consueto ormai, viene accompagnata da una didascalia che riporta una misteriosa sequenza numerica – in questo caso 185612082104 – sulla cui natura sono state avanzate di recente diverse interpretazioni, alcune davvero bizzarre.

Alien Covenant: Katherine Waterston come Ripley in una nuova immagine dal set

Questo lugubre corridoio, simile a una cassa toracica, non può che ricordare inoltre il famoso spazio dal design biomeccanico in cui gli orinali Kane, Dallas e Lambert fecero la famosa  (e inavvertitamente mortale) scoperta nei primi capitoli di Alien, o anche i corridoi del fatidico LV-426. Malgrado al momento la politica di Ridley Scott sia votata alla massima segretezza per tutto ciò che concerne il progetto di Alien Covenant, queste immagini che vengono regolarmente rilasciate con all’interno indizi e contenuti criptici appaiono come una vera e propria caccia al tesoro che il regista sembra voler ingaggiare con i futuri spettatori, esattamente come hanno fatto prima di lui celebri colleghi del calibro di Steven Spielberg (si ricordi in particolare il misterioso e complesso gioco online elaborato in occasione del lancio di A.I Intelligenza Artificiale).

Alien Covenant uscirà il 19 maggio 2017. Alla sceneggiatura hanno lavorato, tra gli altri, Michael Green, John Logan e Jack Paglen.

Bill Cudrup (Spotlight), Jussie Smolett (Empire), Amy Seimetz (You’re Next), Carmen Ejogo (Selma), Benjamin Rigby e Callie Hernandez (Machete Kills) sono le ultime new entry nel cast di Alien Covenant che sarà diretto da Ridley Scott e sarà ambientato in un momento cronologicamente imprecisato tra le vicende di Prometheus e quelle di Alien.

I dettagli dei personaggi per adesso sono ancora un mistero, ma si suppone che possano ricoprire i ruoli del resto della troupe del Covenant, che sarà comandata dal personaggio interpretato da Katherine Waterston. Anche Demian Bichir e Danny McBride fanno parte del cast che vedrà tornare Michael Fassbender nei panni dell’androide David.

Ricordiamo che il film originale era incentrato sull’equipaggio della nave spaziale Prometheus, che, seguendo una mappa stellare rinvenuta tra i manufatti di varie culture terrestri, scopre un pianeta che potrebbe essere la chiave dell’origine della vita sulla Terra, ma nella ricerca s’imbatte in una minaccia che potrebbe causare l’estinzione della razza umana.

Fonte: screenrant