Christopher Nolan e la filosofia segreta dietro ai manifesti cinematografici

-

Nel mentre in cui le comunità di fan e di appassionati discutono su quale sia il vero capolavoro fra le numerose pellicole create dalla mente visionaria di Christopher Nolan, un utente di Twitter di nome Rob Trench ha fatto notare come molti manifesti pubblicitari relativi alle pellicole del regista siano tra loro sorprendentemente molto simili, in particolare rappresentando alcuni dei personaggi principali di spalle e in contrasto con una colorazione di sfondo molto scura e ricca di ombre.

Christopher Nolan è il regista più pagato di Hollywood

Analizzando in particolare i manifesti cinematografici relativi a quattro film di Christopher Nolan (Il Cavaliere OscuroIl Cavaliere Oscuro Il RitornoInception e il prossimo DunkirkRob Trench  ha ritrovato il medesimo schema di impostazione dei personaggi, lo stesso presente anche nelle locandine di Interstellar Memento, dove anche in questo caso il personaggio ritratto di spalle viene usato in chiave alquanto enigmatica ed evocativa.

nolan_manifesto_6 nolan_manifesto_5 nolan_manifesto_4 nolan_manifesto_3 nolan_manifesto_2 nolan_manifesto

In realtà questa presunta rivelazione di una possibile logica segreta dietro alla presentazione pubblicitaria dei film di Christopher Nolan non appare poi così sensazionale né oscura, in quanto non solo è risaputo che il regista non ha mai partecipato direttamente alla progettazione grafica dei manifesti delle proprie pellicole, ma oltretutto, come dimostrato più volte, anche i cartelloni pubblicitari di Nolan vengono realizzati in molte versioni differenti, alcune delle quali mostrano i personaggi ritratti frontalmente o di profilo (come nel caso di alcune varianti per Il Cavaliere Oscuro Il Cavaliere Oscuro Il Ritorno).

Per chiarire ancora di può questa situazione, nel corso di questa settimana il sito Rsvlts.com ha pubblicato un post nel quale descrive minuziosamente questo presunto “effetto di schiena alla Nolan“, facendo notare come in realtà questa impostazione grafica sia stata utilizzata da centinaia di altri film precedenti e successivi a quelli realizzati da Christopher Nolan, dunque togliendo ogni dubbio circa la presunta paternità creativa di questo espediente.

Fonte: screenrant

Matteo Vergani
Matteo Vergani
Laureato in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, studiato regia a indirizzo horror e fantasy presso l'Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma. Appassionato del cinema di genere e delle forme sperimentali, sviluppa un grande interesse per le pratiche di restauro audiovisivo, per il cinema muto e le correnti surrealiste, oltre che per la storia del cinema, della radio e della televisione.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

Dall'alto di una fredda torre Vanessa Scalera

Dall’alto di una fredda torre, la scelta di Vanessa Scalera ed...

Al cinema dal 13 giugno, distribuito da Lucky Red, la storia di Dall'alto di una fredda torre (qui la recensione) nasce sul palcoscenico del teatro,...
- Pubblicità -