Disney/Fox Salgono le azioni FOX e Disney

La 20th Century Fox ha ufficialmente annunciato ieri l’acquisizione da parte della Disney è stata ultimata. Come saprete, le implicazioni di questo accordo avranno delle importanti conseguenze su una serie di franchise importanti, nonché ripercussioni sui diritti di molti film e saghe anche in riferimento allo sfruttamento televisivo.

Di seguito i commenti a caldo di registi, produttori e creatori che hanno lavorato in passato con gli studios:

21th Century Fox annuncia ufficialmente l’acquisizione da parte di Disney

Guillermo Del Toro, regista

Sono trascorsi 25 anni dall’uscita del mio primo film, Cronos, e non riesco a ricordare un momento nel quale io non sia stato coinvolto in qualche modo con qualche divisione della Fox. Penso al mio amico James Cameron, che ha ottenuto i suoi successi alla Fox, che è stata la prima persona a raccomandarmi. O alle mie prime produzioni vere e proprie, come Il Libro della Vita con Fox Animation e le quattro stagioni di The Strain presso FX. Per non parlare de La Forma dell’Acqua, con Fox Searchlight, tutto il processo è stata una vera gioia cinematografica. Mi mancherà la 20th Century Fox? No, perché a prescindere dal nome che avrà o la forma che prenderà, lo spirito e le persone più importanti rimarranno uguali

Chris Meledandri, presidente della 20th Century Fox Animation dal 1999 al 2007

Il mio primissimo lavoro nel settore fu insieme al produttore Daniel Melnick, i cui uffici erano nel lotto della 20th Century Fox nello Stars Building. Ogni giorno guidavo attraverso quei cancelli e mi sentivo come se stessi viaggiando indietro nel tempo fino al momento in cui Darryl Zanuck era ancora a capo della compagnia, quando veniva girato Furore…Il giorno in cui ho visto il mio nome dipinto su un parcheggio di fronte al nostro edificio mi sono sentito come se avessi vinto alla lotteria

Roland Emmerich, regista

Per noi registi questo significa avere una major in meno che possa acquistare i nostri film. Se le cose andranno avanti così, ci ritroveremo con solo un paio di studi cinematografici, e questa cosa potrebbe avere un forte impatto sulla carriera di un regista.

Paul Feig, regista

Non riesco a immaginare a un mondo senza il logo della Fox e la sua fanfara all’inizio di un film. Quella musica, quella grafica erano indimenticabili. Quando ero un adolescente rimasero impresse nella mia mente subito dopo aver visto Star Wars la prima volta

Simon Kinberg, regista

La cosa che mi sorprese di più è il fatto che ci lasciarono fare Deadpool. Nessuno aveva mai realizzato un cinecomic vietato ai minori di quel tipo, nel momento storico in cui le commedie vietate stavano scomparendo. Ci hanno incoraggiati a fare qualcosa di innovativo, ed è proprio ciò che ogni artista desidera sentirsi dire“.

Chris Columbus, regista

Mamma ho perso l’aereo è stato un grande punto di svolta per me. Era un film che avevamo sviluppato con un altro studio, e ci servivano 19 milioni di dollari per realizzarlo. Fu allora che intervenì Joe Roth, mi chiamò e disse ‘Faremo il film’ […] Sapevamo che avrebbe funzionato bene con il pubblico, e speravamo che sarebbe stato un bel passaparola, ma il suo successo è stata una sorpresa totale. Siamo stati primi al botteghino per 13 o 14 settimane. Se la Fox non fosse venuta in soccorso, forse non avrei avuto una carriera “.

Fonte: Variety