Nadine Labaki

Dopo aver emozionato i cuori dei partecipanti all’ultimo Festival di Cannes con il suo Cafarnao, candidato all’Oscar e al Golden Globe, che ha vinto il Premio della giuria a Cannes 2018, la regista libanese Nadine Labaki subentrerà all’attore Benicio Del Toro come presidente di Giuria di Un Certain Regard per la 72esima edizione del Festival.

 

I tre lungometraggi di Nadine Labaki l’hanno consegnata alla fama internazionale, dalla cerimonia del tappeto rosso del Festival di Cannes alla cerimonia degli Oscar pochi mesi fa. La carriera di regista, attrice e sceneggiatrice è stata lanciata per la prima volta sulla Croisette, ed è qui che sono stati presentati tutti i suoi film.

“Ricordo quando andavo a Cannes come studente di cinema, ero così eccitata di partecipare al festival più prestigioso del mondo – ha affermato – Allora, mi sembrava così fuori dalla mia portata: mi ricordo che mi alzavo presto, la mattina, e le code infinite per ottenere un biglietto, sembra ieri, ma quindici anni fa ho riempito il Modulo di registrazione per la cinéfondation del Festival, con il mio cuore pieno di speranza e la mia mano tremante. Oggi sono il presidente della giuria di Un Certain Regard, che dimostra che a volte la vita può essere persino migliore dei tuoi sogni. Non vedo l’ora di discutere, di essere scossa, di trovare ispirazione nel lavoro di altri artisti”.

Dopo essersi diplomata in studi audiovisivi presso l’Università di Beirut, ha diretto pubblicità e video musicali, anche premiati. Nel 2004, ha ottenuto un Festival de Cannes Cinéfondation Residency per scrivere e sviluppare Caramel, il suo primo lungometraggio, girato due anni dopo e presentato alla Quinzaine des Réalisateurs del 2007. Questa gioiosa, ribelle ode al cameratismo femminile è stata distribuita in tutto il mondo e divenne l’esportazione cinematografica libanese di maggior successo di tutti i tempi. Nadine Labaki ha continuato a esplorare la condizione femminile e le tensioni religiose in Where Do We Go Now ?, una favola universale e audace sulla tolleranza, presentata per la prima volta a Un Certain Regard nel 2011.

Nel 2018, Nadine Labaki è stata selezionata per la competizione con il suo potente Cafarnao, un commovente manifesto sull’infanzia danneggiata, i rifugiati e le ferite in una società che gira le spalle all’umanità, che ha catturato la Croisette, vincendo il Premio della giuria, quell’anno presieduta da Cate Blanchett, e ha tenuto un discorso indimenticabile accompagnato dal giovane attore e rifugiato siriano Zain Al Rafeea. Nominato per il Golden Globe e l’Oscar come miglior film straniero, Cafarnao ha fatto della sua regista libanese la prima donna del mondo di lingua araba ad essere nominata in questa categoria.

Le proiezioni Un Certain Regard prenderanno il via il 15 maggio con un’introduzione della giuria in serata, un giorno dopo l’apertura della 72esima edizione del Festival de Cannes, martedì 14 maggio. I vincitori di Un Certain Regard saranno annunciati venerdì 24 maggio.