Darth Vader ha giocato un ruolo chiave in Rogue One: A Star Wars Story, nonostante il breve minutaggio a disposizione. Durante gli ultimi minuti dello spin-off diretto da Gareth Edwards, abbiamo visto il castello del Sith su Mustafar e abbiamo visto il celebre antagonista fare fuori un gran numero di Ribelli. Adesso, è stato rivelato che inizialmente il personaggio avrebbe dovuto trovarsi al centro di una sequenza d’azione ancora più epica.

 

A rivelare l’indiscrezione è stato uno degli sceneggiatori che hanno lavorato al film, Gary Whitta, che via Twitter ha spiegato che in origine Lord Fener avrebbe dovuto essere protagonista di una battaglia molto violenta con un numero ancora più grande di Ribelli, questa volta sulle spiagge di Scarif.

È difficile dire come mai la scena non sia stata più realizzata, ma è probabile che c’entri qualcosa una totale revisione del terzo atto del film avvenuta in fase di scrittura. Su Twitter, Whitta ha raccontato: “Le truppe di terra ribelli si sono infiltrate attorno alla torre di comando imperiale su Scarif. Gli stormtrooper non riescono a farsi strada per fermare Jyn che sta arrivando per trasmettere i piani. Vader esclama: ‘Portatemi su quella spiaggia’. Ne consegue una carneficina. Alla fine avete visto qualcosa di simile nella scena del corridoio…”

LEGGI ANCHE – Rogue One: A Star Wars Story aveva in origine un finale più felice

Diretto da Gareth Edwards e basato su una sceneggiatura di Gary Whitta e Chris Weitz, Rogue One: A Star Wars Story è un film prequel ambientato negli anni tra La Vendetta dei SithUna Nuova Speranza. Nel cast del film Felicity Jones,Mads Mikkelsen,Riz Ahmed,Diego Luna,Forest Whitaker, Jiang Wen e Ben Mendelsohn.

In tempo di conflitto, un gruppo di improbabili eroi si unisce per una missione: rubare i piani della Morte Nera, l’arma di distruzione definitiva dell’Impero. L’evento chiave nella timeline degli eventi di Star Wars mette insieme persone ordinarie che scelgono di fare cose straordinarie, diventando così parte di qualcosa di più grande di loro stessi.

Fonte: ComicBookMovie