Whoopi Goldberg ha confermato che Sister Act 3 è attualmente in fase di sviluppo. Il franchise a metà tra musical e commedia ha avuto un enorme successo all’inizio degli anni ’90, con Goldberg che ha interpretato l’iconico ruolo della cantante di night club Deloris Wilson che si finge suora dopo aver assistito ad un omicidio.

 
 

Il primo film ha incassato un totale di oltre 230 milioni di dollari al botteghino nel 1992. Sulla base di questo successo inaspettato, un anno dopo arrivò il sequel, Sister Act 2: Più svitata che mai, sebbene il film non raggiunse lo stesso grado di successo del predecessore. Tuttavia, entrambi i film sono diventati dei veri e propri cult, specialmente nel circuito degli appassionati di commedie musicali School of Rock e Pitch Perfect.

Per anni i fan hanno chiesto a gran voce un terzo film, nonostante la carriera di Goldberg non sia oggi paragonabile a quella che la stessa aveva negli anni ’90, essendosi allontanata dal grande schermo per dedicarsi essenzialmente a progetti tv. Questo non vuol dire che l’attrice premio Oscar per Ghost – Fantasma non sarebbe favorevole a tornare nel ruolo di Deloris, se ovviamente si presentasse l’opportunità.

E infatti sembra proprio che Whoopi Goldberg si stia preparando a tornare per il tanto atteso Sister Act 3. Durante una recente intervista in occasione dello show di James Corden, si è parlato anche del futuro di quel franchise, con Corden che ha voluto sapere come mai un il terzo film non sia mai stato realizzato. Goldberg ha spiegato che, inizialmente, erano in molti a pensare che “nessuno avrebbe voluto vederlo”. Tuttavia, negli ultimi anni è diventato chiaro che un terzo film potrebbe effettivamente fare la gioia dei fan.

“Per molto tempo hanno continuato a dire che nessuno voleva vederlo”, ha spiegato l’attrice. “E poi, abbastanza di recente, si è scoperto che potrebbe non essere vero: le persone potrebbero volerlo vedere. Quindi, stiamo lavorando con impegno per cercare di capire come… riunire la banda e tornare indietro. È un film davvero divertente. Fa divertire e fa stare bene la gente… nessuno ce l’ha con nessuno. Si tratta semplicemente di gente che canta benissimo, gente che canta bene e gente che canta male. E poi si tratta di suore… Cosa c’è di meglio? Niente.”