Un nuovo libro di Star Wars ha finalmente risolto il mistero legato alle origini del Leader Supremo Snoke. Introdotto per la prima volta ne Il Risveglio della Forza, Snoke è stato oggetto di molte speculazioni nei giorni che seguirono l’uscita del film in sala. Data la ben nota inclinazione di J.J. Abrams nei confronti delle storie particolarmente intricate, all’epoca ci furono molte teorie misteriose su chi potesse essere in realtà Snoke. Tuttavia, Il Risveglio della Forza non ha fatto molta luce sulla sua storia passata. Inoltre, il personaggio è stato ucciso ne Gli Ultimi Jedi, lasciando così una serie di misteri irrisolti.

 

Quando Abrams è tornato alla regia de L’Ascesa di Skywalker, ha tentato di sistemare tutto ciò che era stato lasciato in sospeso all’inizio del film, rivelando che Snoke era in realtà una creazione dell’Imperatore Palpatine. Quando Kylo Ren trova l’Imperatore su Exegol, cammina accanto a più corpi deceduti di Snoke, il che implica che Palpatine ha creato numerosi cloni nel corso degli anni. Sebbene questo abbia chiarito alcune cose, c’erano ancora alcune domande molto importanti che il film non ha avuto il tempo di sviscerare. Ora, un nuovo libro sembra avere le risposte.

Un utente Twitter, tale Old Man Blinks, ha condiviso alcune pagine dello Star Wars Book che svelano alcuni dettagli fondamentali sulla vita di Snoke. Un passaggio degno di nota menziona che si tratta di un “costrutto genetico artificiale inventato dal risorto Darth Sidious per essere il suo delegato al potere. Snoke è dotato di libero arbitrio, ma le sue azioni e i suoi obiettivi sono sempre orchestrati da Sidious”.

Snoke e l’esempio dell’immenso potere di Palpatine nella saga di Star Wars

È interessante notare che Snoke sia dotato di “libero arbitrio”. Ciò significa che è un’entità separata da Palpatine, nonostante l’Imperatore usasse ancora quest’essere artificiale come un burattino mentre cercava di riprendere il controllo della galassia. Con il corpo del clone di Palpatine che si deteriorava su Exegol, Snoke era molto più utilizzabile per fungere da sostituto mentre Sidious complottava nell’ombra. È stato solo quando Kylo Ren ha ucciso Snoke che Palpatine si è finalmente rivelato e ha annunciato il suo ritorno. Snoke è un altro esempio dell’immenso potere dell’Imperatore, poiché era in grado di controllarlo e manipolarlo da lontano, facendogli eseguire i suoi ordini mentre il Primo Ordine si concretizzava.