edgar wright

Edgar Wright, regista che era stato inizialmente scelto per dirigere Ant-Man, ha svelato di essersi riconciliato con Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, per la prima volta dalla sua dipartita dal progetto. Quando Ant-Man è entrato per la prima volta in sviluppo nel 2006, Wright era stato scelto dalla Marvel come co-sceneggiatore e regista.

 

I fan erano piuttosto eccitati all’idea di poter vedere la visione del piccolo grande eroe da parte del regista dell’ormai celebre “Trilogia del Cornetto”. Tuttavia, nel 2014 Wright decise di abbandonare il progetto a causa di alcune divergente creative, e da allora non è mai più entrato in contatto con il mondo dei supereroi. Peyton Reed è stato poi assunto per dirigere il primo Ant-Man, con Adam McKay e Paul Rudd che hanno rimaneggiato lo scriopt che Wright aveva scritto insieme a Joe Cornish.

Di recente, Edgar Wright ha curato l’ultimo speciale numero della rivista Empire interamente dedicato ai momenti più belli della storia del cinema, realizzato per onorare l’esperienza cinematografica in un momento particolarmente difficile per la sala. Proprio in occasione di uno dei podcast della rivista, Wright ha parlato del boss della Marvel Kevin Feige, confermando che non aveva parlato con lui da quando aveva lasciato Ant-Man.

Edgar Wright e Kevin Feige: una storia a lieto fine…

Pur riconoscendo che si trattò di un addio “diplomatico” all’epoca, Wright ha ammesso che sentiva che non c’era un reale motivo per restare in contatto. Tuttavia, proprio mentre esaminava le proposte dei lettori per lo speciale numero di Empire, si è reso conto di quante storie facessero riferimento al MCU, cosa che lo ha spinto a voler ristabilire un contatto con Feige.

“Ho pensato che sarebbe stato falso da parte mia leggere quest’articolo senza menzionare neanche una volta la parola ‘M’. Quindi, ho fatto quello che non avevo mai fatto in sei anni: ho appena mandato un’email a Kevin. È stata davvero una cosa carina, e Kevin è stato davvero toccato dal fatto che lo avessi contattato direttamente e gli avessi detto semplicemente: ‘Hey’. Inoltre è stato divertente, dopo sei anni senza contatti, mandargli un’e-mail dicendo: ‘Kevin, ho bisogno che tu scriva qualcosa per me, e ne ho bisogno domani!’. Quindi è stato carino, ci siamo praticamente riconnessi grazie a questo articolo ed è stato molto dolce. Sono molto contento di averlo fatto, ed ero molto felice che la sua risposta sia stata così… è stato davvero toccato dal fatto che lo avevo cercato e sento che quello che ha scritto è stato fantastico. Gli ho detto che avevo letto quello che aveva detto su Aliens a James Cameron… aveva detto che era semplicemente folle. Quindi è stato bello. Un bel lieto fine per la nostra storia.”