Quentin Tarantino
Foto di Cinefilos.it

Star principale della sesta giornata della Festa del Cinema di Roma, Quentin Tarantino ha incontrato il pubblico e ricevuto il premio alla carriera dalle mani di Dario Argento. Nel corso dell’incontro, il regista ha parlato di Kill Bill 3 come suo possibile ultimo film, di ciò che ancora sogna e di quello che farà, ma soprattutto ha espresso il desiderio di dirigere uno Spaghetti Western multilingua.

 
 

“Non è il mio prossimo film. È un pezzo di qualcos’altro che sto pensando di fare ma non ho intenzione di descrivere di cosa si tratta. Ma oltre a questo, dovrebbe esserci uno Spaghetti Western. Non vedo l’ora di girare quella [cosa] perché sarà davvero divertente. Perché voglio girarlo in stile Spaghetti Western, dove tutti parlano una lingua diversa. Il Bandido messicano è un italiano; l’eroe è un americano; il cattivo sceriffo è un tedesco; la ragazza messicana del saloon è israeliana. E tutti parlano una lingua diversa. E voi gli attori non si capiranno e parleranno solo quando un altro ha smesso di parlare”. 

Sembra davvero un progetto sperimentale che potrebbe essere anche una sorta di rinnovamento nel linguaggio e nell’estetica tarantiniana che, nonostante gli anni, rimane legata al mito del cinema italiano degli anni ’70.