marvel

Spike Lee ha rivelato che prenderebbe in considerazione la possibilità di dirigere un cinecomic Marvel se si presentasse l’opportunità. Lee è diventato famoso come regista alla fine degli anni ’80, grazie a pellicole innovative come Lola Darling e Fa’ la cosa giusta. In breve tempo, il suo stile registico e le sua capacità di scrittura lo hanno trasformato in uno dei grandi autori del cinema moderno, mentre la sua attenzione all’esperienza degli afroamericani ha portato sullo schermo un tipo di rappresentazione più ampia e decisamente più autentica. Nel corso della sua leggendaria carriera ha ricevuto candidature per i più importanti riconoscimenti, incluso cinque Academy Awards: ha finalmente vinto l’ambita statuetta nel 2019, per la migliore sceneggiatura non originale grazie a BlacKkKlansman.

Parallelamente allo status di enorme prestigio raggiunto dalla figura e dall’opera di Lee, anche i blockbuster di supereroi si sono imposti come una delle pietre miliari dell’odierna industria cinematografica hollywoodiana. Nessun franchise ha avuto più successo del MCU, una raccolta di storie unificate iniziata nel 2008 con Iron Man e culminata nel 2019 con l’epico Avengers: Endgame, che è diventato il film con il maggior incasso di tutti i tempi. Nonostante i film di supereroi siano spesso stati liquidati come monolitici e controllati più dallo studio che dai suoi registi, di recente il MCU ha cercato di coinvolgere nella sua cerchia il maggior numero possibile di talenti d’autore (basti pensare a Taika Waititi con Thor: Ragnarok e a Ryan Coogler con Black Panther).

Di recente, proprio Spike Lee ha espresso la volontà di unirsi ai ranghi del MCU. In un’intervista con Entertainment Weekly, il regista non è sembrato per nulla infastidito dalla reputazione dello studio e ha anche rivelato che preferisce la Marvel alla DC. “Non ho niente contro la Marvel”, ha spiegato il regista. “Sono cresciuto leggendo i fumetti di Spider-Man. Per me, la DC Comics è stata sempre banale. Sto solo dicendo che per me tutto ruotava attorno alla Marvel. Se si presenta l’occasione giusta… non mi sto proponendo, ma la prenderei comunque in considerazione.”

Spike Lee e MCU: un approccio innovativo

Sappiamo bene che l’atteggiamento cordiale di Lee nei confronti della Marvel non è condiviso da altri registi del suo status. In particolare, Martin Scorsese, uno dei registi più influenti di tutti i tempi (nonché buon amico di Lee), ha ripetutamente criticato il concetto di cinecomic nel suo complesso, così come altri importanti registi che hanno seguito il suo esempio, tra cui Francis Ford Coppola, Ridley Scott e Alejandro G. Iñárritu.

Un film del MCU diretto da Lee sarebbe probabilmente molto diverso dai film precedenti del franchise. È anche difficile immaginare che Lee possa tollerare il livello di supervisione dello studio. Forse il modo migliore per farlo entrare a bordo sarebbe attraverso un supereroe non ancora apparso sul grande schermo che l’autore potrebbe costruire da solo partendo da zero.