Empire ha dedicato un lungo speciale a Loki, l’attesa serie dei Marvel Studios in cui Tom Hiddleston tornerà a vestire i panni del Dio dell’Inganno. La serie debutterà il prossimo 11 giugno e arriverà dopo il grande successo ottenuto da WandaVision (la serie dedicata a Wanda Maximoff e Visione) e The Falcon and the Winter Soldier (incentrata, invece, su Sam Wilson e Bucky Barnes).

Naturalmente, essendo Loki morto in Avengers: Infinity War, la serie sarà incentrata su una versione leggermente diversa del personaggio. Il Dio dell’Inganno, infatti, è stato uccido da Thanos nel film del 2018, ponendo fine – almeno all’apparenza – alle sue continue resurrezioni. Tuttavia, una versione alternativa del personaggio del 2012 ha rubato il Tessercat in Avengers: Endgame e ha creato una linea temporale ramificata: è proprio quel Loki che sarà al centro della serie.

Gran parte della trama di Loki è ancora avvolta nel mistero, ma durante l’intervista con Empire è stato proprio Hiddleston a fornire nuovi dettagli in merito, invitando i fan a prestare molta attenzione al logo ufficiale dello show. “Voglio preservare la freschezza della serie per quando debutterà, ma qualcosa a cui bisogna prestare attenzione è il logo, che sembra ripristinarsi e riaggiornarsi”, ha spiegato l’attore.

Loki con Tom Hiddleston: le rivelazioni più importanti dal nuovo trailer della serie

“Il font sembra continuare a cambiare forma e sappiamo che Loki è il mutaforma per eccellenza. La sua è una natura mutevole nel MCU: non sai se è un eroe, un cattivo o un anti-eroe. Non sai se puoi fidarti di lui oppure no. Cambia sempre forma: può essere una guardia asgardiana e subito dopo Captain America.”

Poi ha aggiunto: “Penso che il logo possa fornire una chiave di lettura per la serie. Loki riguarda l’indentità e l’integrazione dei frammenti disparati dei molti sé che questo personaggio rappresenta. Ho pensato che fosse molto eccitante perché ho sempre trovato Loki un costrutto molto complesso. Chi è questo personaggio che può indossare così tante maschere e cambiare forma e sentimenti così rapidamente come un sixpence?”