Spider-Man: No Way Home
- Pubblicità -

Un ex consulente legale dei Marvel Studios spiega perché l’accordo con la Sony Pictures Entertainment per condividere i diritti di sfruttamento di Spider-Man durerà. L’Uomo Ragno di Tom Holland ha appena concluso la sua trilogia personale con Spider-Man: No Way Home. Oltre a ciò, tuttavia, l’arrampicamuri del MCU continuerà il suo arco narrativo nel franchise con Spider-Man 4 ufficialmente in sviluppo, come rivelato da Kevin Feige dei Marvel Studios.

C’è stato un tempo, tuttavia, in cui l’accordo tra Marvel Studios e Sony Pictures Entertainment di collaborare era sul punto di essere sciolto. Tutto è iniziato nel 2015, quando la partnership tra gli studi ha permesso all’MCU di presentare Peter Parker dopo anni di isolamento nel suo franchise. Sulla scia del successo di Spider-Man: Far From Home, tuttavia, una disputa sui dettagli finanziari del loro accordo ha quasi costretto la Sony a ritirarsi, portando potenzialmente con sé il Peter di Holland. Fortunatamente, Sony e Marvel Studios sono riusciti a trovare una via di mezzo e hanno deciso di continuare la collaborazione.

Per coloro che sono preoccupati che qualcosa di simile possa accadere di nuovo in futuro, un ex avvocato dei Marvel Studios spiega perché è improbabile. In un’intervista esclusiva con Screen Rant, Paul Sarker spiega i motivi per cui l’accordo tra Marvel Studios e Sony sarà sostenibile a lungo termine. Sottolinea che entrambe le parti stanno beneficiando dell’accordo, quindi sarebbe difficile per loro abbandonarlo. I Marvel Studios hanno la possibilità di incorporare uno degli eroi Marvel più iconici nell’MCU, mentre la Sony può trarre vantaggio da Feige e dal suo team creativo per dare forma ai loro personaggi.

“Dal punto di vista creativo, penso che sia una vittoria per tutti. La Sony ottiene il vantaggio di Kevin [Feige] e del suo team incredibilmente talentuoso nel realizzare i loro film. La Marvel può usare Spider-Man, che è uno dei personaggi più importanti del MCU, nei suoi film. Penso che alla fine i fan vincano, perché vedere Spider-Man in Civil War, in Endgame e Infinity War è stato fantastico. E anche vedere Doctor Strange o Iron Man nei film di Spider-Man è molto elettrizzante.

Non ho lavorato alla Marvel negli ultimi anni, ma ha senso. L’importanza di Spider-Man per la Sony come studio cinematografico non può essere sopravvalutata, giusto? Perché la Sony non ha la potenza al botteghino che ha la Marvel, quindi il fatto che Sony sia stata in grado di mantenere i diritti per realizzare film di Spider-Man e anche di ottenere il contributo di Kevin [Feige] e il suo DNA nel film è una grande vittoria per loro.

Penso che l’unica altra opzione sarebbe stata quella di riacquistare i diritti da parte della Disney, e chissà quanto sarebbe stato costoso, ma a lungo termine non sarebbe stata una grande mossa per la Sony. Ciò aiuta la Sony a mantenere il proprio studio rilevante nella conversazione sui film tratti dai fumetti e offre alla Marvel uno dei suoi migliori personaggi. Quindi penso che sia una vittoria per tutti. Secondo me, se Sony non avesse stretto l’accordo ma ha avesse continuato con il suo approccio produttivo senza il contributo della Marvel, non penso che sarebbe stato un buon risultato per loro. Allo stesso tempo, se la Marvel non riesce ad avere Spider-Man nei suoi film, neanche questo è eccezionale. Entrambe le parti ottengono qualcosa di importante da questo.”

- Pubblicità -