Gli artisti dei VFX Disney hanno votato per la sindacalizzazione

-

A seguito delle accuse di maltrattamenti e superlavoro diffuse in tutto il settore, i lavoratori ai VFX della Disney hanno votato per la sindacalizzazione. I lavoratori degli effetti visivi dei Marvel Studios, filiale dei Walt Disney Studios, hanno votato a favore della sindacalizzazione all’inizio di questo mese.

Lo studio, che produce film e programmi TV del Marvel Cinematic Universe, è stato accusato dai suoi dipendenti di maltrattamenti. Si prevedeva che il loro passaggio alla sindacalizzazione avrebbe creato un precedente in grado di cambiare il settore, e gli effetti a catena si stanno già vedendo.

Poche settimane dopo che i Marvel VFX Workers hanno votato per la sindacalizzazione, le troupe degli effetti visivi della Walt Disney hanno seguito l’esempio. Secondo Variety, i lavoratori della Disney VFX hanno compiuto un passo significativo verso la sindacalizzazione richiedendo un’elezione attraverso il National Labor Relations Board (NLRB). Oltre l’80% dei 18 membri della squadra VFX impiegati direttamente dalla Walt Disney Pictures hanno presentato i documenti di autorizzazione indicanti la loro intenzione di formare un sindacato. Mark Patch, organizzatore IATSE VFX, e Matthew D. Loeb, presidente internazionale dello IATSE, hanno rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Patch: Oggi, i coraggiosi lavoratori degli effetti visivi della Walt Disney Pictures hanno superato la paura e il silenzio che hanno impedito alla nostra comunità di avere voce in capitolo per decenni. Con una stragrande maggioranza di queste troupe che chiedono la fine del “modo in cui gli effetti visivi sono sempre stati”, questo è un chiaro segno che la nostra campagna non riguarda uno studio o una società. Riguarda i lavoratori VFX di tutto il settore che utilizzano gli strumenti a nostra disposizione per elevarci e creare un percorso migliore da seguire.

Loeb: La determinazione di questi lavoratori degli effetti visivi non è solo encomiabile, è rivoluzionaria. La loro azione collettiva contro lo status quo rappresenta un cambiamento epocale in questo momento critico per il nostro settore. Il coro di voci che chiedono un cambiamento non ha precedenti e dimostra che il nostro movimento unito non riguarda una sola azienda, ma crea un precedente di dignità, rispetto ed equità per tutti.

Da quando gli effetti visivi sono stati introdotti dai film di Star Wars negli anni ’70 e ’80, il settore non è mai stato unificato sotto un sindacato. Questo fino a quando i lavoratori della Marvel VFX hanno votato per la sindacalizzazione all’inizio di questo mese, segnando una prima volta a Hollywood che avrebbe dovuto creare un precedente rivoluzionario per il settore. Lo studio di proprietà della Disney è stato criticato da molti lavoratori VFX che hanno parlato delle pessime condizioni di lavoro della Marvel, inclusi compensi ingiusti e il carico di lavoro eccessivo, allo scopo di rispettare scadenze impossibili.

La Disney non ha la stessa reputazione di maltrattare i lavoratori degli effetti visivi, sebbene abbiano contribuito a creare film da miliardi di dollari – come La bella e la bestia, Aladin e Il re leone – da cui lo studio ha tratto enormi profitti. Come parte dei loro sforzi per sindacalizzare, i lavoratori della Disney VFX stanno avanzando richieste ragionevoli, che includono un equo compenso per tutte le ore lavorate, un’adeguata assistenza sanitaria e benefici pensionistici. Queste richieste fanno eco alle crescenti richieste di miglioramenti nel settore degli effetti visivi.

Il voto dei lavoratori della Disney VFX per la sindacalizzazione arriva anche mentre i sindacati degli sceneggiatori e degli attori, WGA e SAG-AFTRA, continuano a scioperare lottando per una retribuzione giusta e migliori condizioni di lavoro.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -