Joaquin Phoenix in una storia d’amore gay diretta da Todd Haynes

-

Dopo essere tornato sul grande schermo con Beau ha paura di Ari Aster e in attesa di poterlo vedere in Napoleon e Joker 2, il premio Oscar Joaquin Phoenix ha un altro progetto in lavorazione particolarmente interessante. Si tratta di una storia d’amore gay diretta da Todd Haynes, regista di Carol attualmente in concorso al Festival di Cannes con May December. Proprio in occasione del festival il regista ha avuto modo di fornire qualche dettaglio in più, dichiarando che “il prossimo film è basato su una sceneggiatura originale che ho sviluppato con Joaquin Phoenix, sulla base di alcuni pensieri e idee che mi ha suggerito”, ha spiegato Haynes a IndieWire.

Fondamentalmente l’abbiamo scritto con anche lui come sceneggiatore. Io, Jon Raymond e Joaquin Phoenix condividiamo quindi il merito della storia. E speriamo di girarla all’inizio del prossimo anno. È una storia d’amore gay ambientata nella Los Angeles degli anni ’30”, afferma Haynes, aggiungendo anche che “Joaquin mi ha anche spinto verso nuovi confini dicendomi ‘No, andiamo oltre’. Questo sarà un film NC-17”. Nel sistema di classificazione dei film della Motion Picture Association (MPA), NC-17 è il punteggio più alto, che vieta la visione ad un pubblico di meno di 18 anni.

Joaquin Phoenix non è estraneo a ruoli intensi che si spingono oltre i limiti della recitazione, mentre per quanto riguarda Haynes, tra Carol, Lontano dal paradiso, Poison, Velvet Goldmine e il suo ultimo May December, il regista non è estraneo al dramma d’epoca romantico, né al film queer. Non resta dunque che attendere maggiori informazioni riguardo questo loro nuovo progetto, che dovrebbe dunque entrare in produzione all’inizio del 2024. Con l’approssimarsi di quel momento, potrebbe essere reso noto il titolo, una prima sinossi e ulteriori membri del cast.

May December al Festival di Cannes

Presentato in concorso al Festival di Cannes May December, del regista americano Todd Haynes riunisce Natalie Portman e Julianne Moore in un dramma romantico introspettivo sul passato sulfureo di una coppia famosa. Per prepararsi al suo nuovo ruolo, Elisabeth (Natalie Portman), una famosa attrice, incontra Gracie (Julianne Moore), che interpreterà sullo schermo. Quest’ultima aveva infiammato la stampa scandalistica e affascinato il paese due decenni prima mantenendo una relazione con Joe (Charles Melton), 23 anni più giovane di lei. Il film è vagamente basato sullo scandalo americano di Mary Kay Letourneau.

Sotto l’impulso della sceneggiatura di Samy Burch, Todd Haynes mette in discussione le scelte di due donne in due momenti della loro vita. Un doloroso ritorno al passato per un’ex idolo sessantenne che vuole voltare pagina, di fronte a una sincera e pericolosa ricerca della verità per una star di Hollywood all’apice della sua carriera. Tra i due, il personaggio maschile di Charles Melton intreccia sottilmente i legami tra le due. Sul versante musicale, le composizioni di Marcelo Zarvos si alternano alle melodie di Michel Legrand composte per la prima volta per Le Messenger di Giuseppe Losey.

Fonte: Variety

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Resurrected spiegazione finale

Resurrected: la spiegazione del finale del film horror

Una tipologia di opere tanto recente quanto apprezzata è quella del screenlife film (o first person shot), in cui lo schermo cinematografico diventa lo...
- Pubblicità -