Suicide Squad: David Ayer rimpiange la scelta dei tatuaggi di Joker

-

Il regista di Suicide Squad, David Ayer, concorda sul fatto che i tatuaggi del suo Joker siano stati una cattiva idea dopo aver parlato della scelta creativa per il film del 2016. Tutte le volte che Batman è stato immaginato in live-action, Joker è sempre stato al suo fianco, apparendo in numerosi progetti DC nel corso dei decenni. Una delle sue incarnazioni più recenti è stata il Joker di Suicide Squad, interpretato da Jared Leto nel 2016, quando la Task Force X ha esordito al cinema.

Tuttavia, il Joker di Jared Leto in Suicide Squad ha sempre generato delle opinioni contrastanti, principalmente per alcuni dei cambiamenti al suo look, rispetto a un’immagine più legata alla rappresentazione classica del personaggio. Uno degli aspetti più discussi è stata la decisione di riempire Joker di tatuaggi, e soprattutto la parola “Danneggiato” sulla fronte.

Quasi otto anni dopo l’uscita del film, il regista di Suicide Squad concorda con il pubblico sul fatto che non è stata una delle scelte migliori per il suo Joker. David Ayer ha usato la piattaforma X (ex Twitter) per affrontare il fatto che mentre è il titolare del “l’idea del tatuaggio al 100%”, ammette di rimpiangere la scelta che “ha creato acrimonia e divisione“. In effetti, inizialmente Ayer aveva pensato di far scrivere sulla fronte di Joker “Beato” invece di “Danneggiato”, ma alla fine il regista ha riconosciuto che “non tutte le idee sono buone”.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -