Star Wars: anticipazioni sul film di James Mangold e i suoi legami con le trilogie passate

Il film Star Wars: Dawn of the Jedi del regista di Logan, James Mangold, potrebbe aver appena ricevuto un nuovo titolo in base ai commenti di uno dei produttori di The Acolyte. Sorprendentemente, ciò lo collega a Gli ultimi Jedi del 2017...

-

Durante la Star Wars Celebration dello scorso aprile a Londra, il regista di Indiana Jones e il Quadrante del Destino James Mangold ha confermato l’intenzione di andare in una Galassia molto, molto lontana per raccontare la storia del Primo Jedi.

Sebbene sia stato rivelato che questo film di Star Wars sarà ambientato circa 25.000 anni prima degli eventi de La minaccia fantasma, da allora sono stati condivisi pochi aggiornamenti. Probabilmente perché il regista di Logan è attualmente impegnato nelle riprese del suo biopic su Bob Dylan.

Parlando con SFX, il produttore di Rogue One: A Star Wars Story e The Acolyte, Simon Emanuel, ha potenzialmente rivelato un nuovo titolo per un film a cui ci siamo riferiti come Dawn of the Jedi.

Jedi Prime di James Mangold è ambientato migliaia e migliaia di anni prima [della trilogia originale]“, ha detto, “e sono davvero entusiasta di vedere cosa succede lì“.

Jedi Prime? Non solo è un nome molto bello, ma potrebbe avere importanti implicazioni per il film stesso. Lo Jedi Prime è apparso per la prima volta sotto forma di mosaico in Star Wars: Gli ultimi Jedi del 2017. L’immagine è stata creata dal concept artist Seth Engstrom e ispirata all’iconografia taoista dello yin e dello yang, l’equilibrio tra le dualità.

Tutto ciò che sappiamo è che il Primo Jedi è stato il primo Jedi a usare la Forza e ha fondato l’Ordine Jedi su Ahch-To. Questo è il personaggio su cui Mangold si concentrerà ed è qualcuno di cui Lucasfilm sembra voler rivelare di più da un po’ di tempo (originariamente, David Benioff e D.B. Weiss erano impegnati in una trilogia sul Primo Jedi della Galassia).

Perché James Mangold ha accettato di raccontare una storia di Star Wars?

L’anno scorso, Mangold ha spiegato cosa lo ha spinto a raccontare una storia ambientata migliaia di anni prima di qualsiasi altro film o serie televisiva di Star Wars.

Quando ho parlato con alcuni dei chierici di Star Wars che tengono traccia di tutte queste linee temporali, mi sono chiesto ‘Allora, quando sarebbe successo questo’. E loro mi hanno risposto ‘25.000 anni prima di Episodio I’, e io ho pensato ‘Oh, stavo cercando una certa distanza, ma questa è la distanza’. Lo farò, potrei trovare Charlton Heston in una stazione della metropolitana abbandonata, ma lo farò“.

La realtà per me è che quella sensazione di spazio, non è un gioco di parole, era qualcosa che sentivo davvero importante non per allontanarmi dal fan service o dalle complessità di ciò che George aveva impostato e sognato”, ha proseguito, “ma per avere semplicemente lo spazio per raccontare una storia e non essere immediatamente ingombrato dalle basi che devi colpire“.

“Che, onestamente, non c’è modo di spiegare alla gente se non dicendo che è come quel gioco che facevamo da bambini, ‘Twister’. A un certo punto ci si trova in un groviglio, perché si cerca di trovare il modo di raccontare una storia con tutti i vincoli possibili“.

Star Wars: L’alba dello Jedi non ha ancora una data di uscita confermata, anche se non ci aspettiamo di vederlo nelle sale prima del 2027 o del 2028.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

- Pubblicità -