Il Killmonger di Michael B. Jordan visto sullo schermo in Black Panther è forse uno dei villain più amati nella storia del MCU, spesso accusato di non prestare troppa attenzione ai suoi antagonisti. Ma non è questo il caso, visto il successo e l’apprezzamento verso le motivazioni e il carattere di questo anti-eroe opposto a Re T’Challa.

 

Nel frattempo la Marvel Comics ha pensato di ispirarsi al film di Ryan Coogler per rivedere le origini del personaggio (e non è la prima volta che questo capita, anzi spesso i fumetti si sono ispirati al cinema per le sue nuove storie), e un estratto dal prossimo numero Rise of the Black Panther #2, che potete vedere qui sotto, ci offre un indizio su quella che potrà essere l’origin story di Killmonger.

black panther

Nel fumetto di Evan Narcisse verrà narrata la storia di Black Panther e il primo combattimento contro Namor. Tuttavia l’evento che farà incontrare i due re è la rivolta di alcuni cittadini di Wakanda, sommossa che verrà poi risolta da T’Challa con l’aiuto di Namor. Tutte le vittime verranno messe in salvo, tranne un ragazzo di nome N’Jadaka.

Black Panther: l’omaggio a Dragon Ball nel costume di Killmonger

Nei vecchi fumetti Killmonger era un giovane wakandiano chiamato N’Jadaka, la cui famiglia fu esiliata dopo che il padre fu costretto a lavorare per Klaw. Sebbene il MCU abbia rimaneggiato un po’ l’origine del villain (con il ragazzo che cresce in America e suo padre che inveisce contro il trono), non cambia il succo della sua storia.

Ora, stando a quanto descritto sopra, sembrerebbe che la Marvel Comics abbia preso spunto da quanto mostrato nel film per rileggere – omaggiando il passato – la nascita di Killmonger. Con l’unica differenza che nelle nuove pagine in uscita prossimamente, il personaggio appare più come vittima di un rapimento e non si sa molto del padre né di cosa gli sia accaduto. 

Non ci resta che attendere il rilascio dei fumetti per saperne di più.

Black Panther incassi: superato The Avengers nella prima settimana

Fonte: ScreenRant