Il re leone film

Il Re Leone è considerato uno dei gioielli del “rinascimento” della Disney, e tra i molti momenti indimenticabili del film vincitore dell’Oscar c’è il mantra “hakuna matata“, che descrive lo stile di vita rilassato del duo comico del film, Timon e Pumba. Mentre la Disney si prepara per il remake in CGI del film, previsto per il 2019, il film è oggetto di critiche nei confronti della frase in lingua swahili, che la Casa di Topolino ha registrato come sua proprietà.

 

Le critiche sono iniziate con una rubrica del Business Daily Africa, che ha accusato la Disney di appropriazione culturale, con l’utilizzo di quella frase. “È un peccato che nel corso degli anni ci siano stato un sacco di furti della cultura africana, attraverso l’uso dei diritti di proprietà intellettuale – ha scritto Cathy Mputhia – Ciò significa che il patrimonio che dovrebbe appartenere a un determinato gruppo di persone viene invece rubato utilizzando metodi legali, in base al quale a terzi vengono riconosciuti i diritti esclusivi.”

L’articolo di Mputhia ha attirato l’attenzione dell’attivista dello Zimbabwe Shelton Mpala, che ha avviato una petizione online che ha già raccolto oltre 140.000 firme. “Pur rispettando la Disney come istituzione di intrattenimento responsabile della creazione di molti dei nostri ricordi d’infanzia, la decisione di registrare il marchio “Hakuna Matata” si basa esclusivamente sull’avidità e rappresenta un insulto non solo per lo spirito del popolo swahili, ma anche per l’Africa nel suo complesso”, scrive Mpala nella descrizione della petizione.

La Disney ha richiesto la registrazione del marchio nel 1994, contemporaneamente all’uscita de Il Re Leone, per proteggere il loro uso della frase sui prodotti Disney, oltre a impedire ad altri di incassare la proprietà intellettuale. “La registrazione della Disney di “Hakuna Matata”, che è stata depositata nel 1994, non ha mai impedito alle persone di usare quella frase” ha detto la società in una nota, citando poi altre frasi di uso comune, come “Yahoo” e “Buon Natale”, i cui marchi non hanno mai impedito a nessuno di utilizzarli in una conversazione casuale.

Questa non è la prima volta che il film d’animazione Disney ha affrontato controversie sul suo contenuto. Al momento della sua uscita, molte persone hanno messo in dubbio le somiglianze de Il Re Leone con la serie televisiva animata degli anni sessanta di Osamu Tezuka, Kimba il Leone Bianco. Ha anche affrontato altre controversie che coinvolgono messaggi o metafore nascosti suggeriti nella sua animazione e nella rappresentazione dei personaggi.

Il re leone: il teaser trailer del live action Disney

Basato su una sceneggiatura scritta da Jeff NathansonIl Re Leone sarà realizzato con le stesse tecniche di animazione computerizzata utilizzare per portare alla luce Il Libro della Giungla (2016). Jon Favreau, che dirige anche questo secondo live action Disney, dovrà questa volta affrontare una sfida in più, visto che in questo caso non ci sarà nessun personaggio umano su cui basare le inquadrature e le scene.

Nel cast dei doppiatori, al momento, sono stati confermati Donald Glover, nel ruolo di Simba, e James Earl Jones, che torna a essere MufasaSeth Rogen e Billy Eichner doppieranno Pumba e Timon. Nel cast anche John Kani, visto in Civil War, che darà voce a Rafiki e Alfre Woodard, che sarà Sarabi. Chiwetel Ejiofor sarà Scar.