Qualche giorno fa Collider aveva reso noto un report secondo il quale la Lucasfilm avrebbe deciso di bloccare lo sviluppo di tutti gli spin-off a seguito del “flop” al box office di Solo: A Star Wars Story. Le stime parlavano di una spesa pari a 350 milioni di dollari per la produzione del film, tra costi di lavorazione e marketing, ma al momento, l’incasso del film si aggira intorno ai 341 milioni, il che lo rende di fatto un insuccesso.

Nelle ore successive però, secondo quanto dichiarato dalla ABC – che aveva raggiunto i vertici dell’azienda – la Lucasfilm ha negato di aver deciso di interrompere i lavori sui prossimi standalone del franchise, definendo la notizia “non accurata e speculativa“.

Star Wars – la Lucasfilm fa chiarezza sulla questione spin-off

Questo il comunicato ufficiale:“Attualmente sono ancora in sviluppo “diversi” film di Star Wars che non sono stati ancora ufficialmente annunciati. Questi progetti andranno avanti separatamente dalla nuova trilogia curata da Rian Johnson, e da un’altra serie di film dei produttori di Game of Thrones David Benioff e D.B. Weiss.”

Adesso è invece l’Hollywood Reporter a riportare un’ulteriore precisazione in merito alla faccenda spin-off, affermando che la Lucasfilm sta soltanto cercando di capire come evitare altri passi falsi come Solo e rivalutando le strategie di marketing, oltre che i numeri da investire nei prossimi progetti:

Non hanno rallentato lo sviluppo degli spin-off ma si stanno leccando le ferite. Ciò non significa che gli spin-off non saranno realizzati, ma che l’azienda sta valutando il come realizzarli e come commercializzarli in modo diverso.

Fonte: The Hollywood Reporter

Pubblicità