The Last of Us, in che modo il finale di stagione ci prepara alla seconda stagione?

The last of us 2 Creative Arts Emmy Awards

Il finale della prima stagione di The Last of Us include diversi momenti che sono preparatori a ciò che vedremo nella seconda stagione. La serie live-action di HBO basata sull’acclamato videogioco di Naughty Dog ha concluso il primo capitolo della sua storia all’inizio di questa settimana, il 13 marzo 2023 in Italia.

Nel finale della prima stagione abbiamo visto compiuto il viaggio di Joel (Pedro Pascal) ed Ellie (Bella Ramsey) alla ricerca della base delle Luci, per consegnare Ellie all’organizzazione, con Joel che ha salvato Ellie da un’operazione che l’avrebbe uccisa ma che forse avrebbe potuto creare una cura per l’infezione da Cordyceps. Sappiamo già che quel finale perfetto non è però la fine della storia, dal momento che è stata già confermata una seconda stagione, che dovrebbe adattare la prima perte del secondo gioco. E sappiamo anche che diversi punti di questa puntata anticipano quello che succederà nella seconda stagione. Ecco come:

6Lo Stalker infetto anticipa il Re Ratto della seconda stagione

Il finale di The Last of Us include la prima vera apparizione dello Stalker, che è un tipo di infetto, poiché vediamo uno di loro attaccare la madre di Ellie, Anna, nella scena iniziale. Lo Stalker è l’ultima delle quattro versioni principali degli infetti ad apparire nella serie, unendosi a Runners, Clicker e Bloater. L’importanza dello Stalker infetto nel finale della prima stagione di The Last of Us è ancora più importante della morte di Anna. In The Last of Us Part II, appartiene proprio agli Stalker il Re Ratto, uno zombie terrificante.

Il Re Ratto è la forma infetta più orribile di The Last of Us, poiché combina Stalker, Clicker e Bloater in un’imponente e grottesca fusione di zombi. Ora che lo Stalker è stato introdotto, il Re Ratto può essere presentato nella stagione 2 di The Last of Us.

Indietro