Nato il 4 luglio è un film del 1980 diretto dal regista Oliver Stone e con protagonisti nel cast Tom Cruise, Willem Defoe, Tom Berenger, Caroline Kavae Raymond Barry.

Nato il 4 luglioLa Trama di Nato il 4 luglio : Stati Uniti, 1967. Ron Kovic (Tom Cruise) è un giovane americano modello: faccia pulita, bravo studente, campione negli sport, un lavoretto come commesso dopo la scuola, educato e pieno di vita, l’orgoglio di una famiglia ferventemente cattolica.

Quando il sergente Hayes (Tom Berenger) si presenta nella sua scuola per convincere i giovani studenti ad arruolarsi per partecipare alla guerra contro i vietcong comunisti ecco che nella testa di Ron scatta la scintilla; senza sentire niente e nessuno decide di partire come volontario nel corpo dei marines.

Dopo quasi un anno di servizio trascorso a combattere i vietcong, Ron viene colpito alla spina dorsale, e non sente più le gambe. I mesi trascorsi in un agghiacciante ospedale militare non ridaranno mai più l’uso degli arti inferiori al nostro protagonista che dovrà quindi tornare a casa, nella sua piccola provincia americana, seduto su una sedia a rotelle, da ora inseparabile compagna di vita.

Nato il 4 luglio

Iniziano mesi terribili per Ron e per la sua famiglia; accudito con amore ed affetto dal padre (Raymond Barry) Ron si scontra invece con il perbenismo della madre (Caroline Kava) che quasi si vergogna di quel figlio storpio e così diverso dal bravo ragazzo che era.

Nottate trascorse ad ubriacarsi, a bere in continuazione per dimenticare la realtà, per fuggire da quell’incubo quotidiano reso ancora più amaro dal constatare l’indifferenza e, ancor peggio, l’avversione che accompagna i reduci come lui nella società americana che ha trovato al suo ritorno.

Inizia un lungo percorso interiore che lo porterà in una comunità di reduci in Messico, a Villa Dulce, dove una prostituta e soprattutto uno svitato compagno di bevute (Willem Defoe) gli faranno ritrovare quell’equilibrio perduto, dandogli il coraggio di svuotare il suo animo anche dei più reconditi segreti.

Inizia così per Ron Kovic una nuova vita che farà di lui uno dei più convinti e accaniti sostenitori della pace, uno dei leader di quei movimenti contrari a quella guerra in cui  tanto credeva.

Nato il 4 luglioAnalisi: Nato il 4 luglio è un film del 1989 diretto magistralmente da Oliver Stone, uno dei film più riusciti del regista americano e pietra miliare tra quelli incentrati sul tema della guerra del Vietnam. La sceneggiatura prende spunto dall’omonimo romanzo autobiografico scritto proprio da Ron Kovic, il personaggio interpretato splendidamente da un giovanissimo Tom Cruise.

Nato il 4 luglio è un film di un’intensità rara e incredibile che tiene lo spettatore incollato allo schermo dalla prima all’ultima sequenza in cui la tensione emotiva è sempre a livelli altissimi. Un film intimo, crudo ed emozionante, capace di impressionare, commuovere e stimolare in profonde riflessioni.

La storia di Ron Kovic è la storia di uno dei tanti giovani americani che sono partiti per il Vietnam convinti di fare la cosa giusta per se stessi e per il loro paese ma che l’orrore della guerra prima e il decorrere dei fatti poi ha condotto verso una progressiva presa di coscienza di quanto quella guerra fosse sbagliata. Nel film Oliver Stone pone l’accento su una quantità di temi correlati al conflitto asiatico che rendono la narrazione ricca e completa: su tutti il dramma dei reduci, l’incredulità e lo sbigottimento di giovani partiti da eroi e tornati tra sputi e insulti.

Quindi l’ipocrisia e la falsità della società americana che si vergogna dei propri giovani soldati tornati con qualche arto in meno e seduti su cigolanti sedie a rotelle; un’ipocrisia personificata mirabilmente nella figura della madre, che mentre riabbraccia il figlio tornato dalla guerra si preoccupa con lo sguardo di cosa possano pensare i vicini del quartiere.

Ma Nato il 4 luglio è soprattutto la storia di un viaggio. Il viaggio interiore che il giovane Ron vive dentro se stesso e che lo porterà, dopo un’incredibile sofferenza, a prendere atto di se, della propria nuova condizione e di tutto quello che lo circonda. Il percorso che inizia con quell’arruolamento volontario e termina con il suo primo intervento ad un congresso democratico in nome della pace simboleggia la maturazione non solo di un singolo ma, forse, di un intero popolo che realizza quanto sia stato sbagliato sporcare le mani dei propri giovani col sangue di poveri contadini lontani migliaia di chilometri.

Alla prima interpretazione in un ruolo drammatico, Tom Cruise è impeccabile nella parte del giovane americano modello prima e ancor più in quella del disperato e sbandato reduce paralitico poi. Un’interpretazione intensa, commovente e coinvolgente che domina su un film comunque arricchito da altre straordinarie interpretazioni; su tutte sottolineiamo quella dell’affettuosissimo padre di Ron, un bravissimo Raymond Barry, e soprattutto quella incredibile di Willem Defoe semplicemente perfetto nel ruolo del reduce arrabbiato e deluso che impreca contro tutto e tutti.

Nato il 4 luglio è un film meraviglioso che più di ogni altro riassume e sintetizza l’epopea americana in quello che è stato il suo più grande dramma moderno della storia recente; una guerra del Vietnam raccontata non attraverso i combattimenti, le marce nella giungla o i bombardamenti al napalm, ma vista dal prospetto della società civile, delle famiglie colte da quel dramma e dei giovani reduci in lotta per riaffermare la loro dignità.

Nato il 4 luglio, il libro

Nato il 4 luglio (Born on the Fourth of July) è basato sul libro, autobiografia scritta e pubblicata da Ron Kovic nel 1976.

Ron Kovic è un giovane americano nato il 4 luglio 1946 da una famiglia di religione cattolica e di sentimento tradizionalista. Nel 1964, ispirato dal presidente John Fitzgerald Kennedy, Ron, all’età di 18 anni, si arruola volontario nel corpo dei Marines, desideroso di servire la patria come i suoi antenati nella guerra di indipendenza americana e nelle guerre mondiali. Nell’ottobre 1967, con il grado di sergente, viene destinato a partire per la guerra del Vietnam, dove scopre la cruda realtà della guerra, unita anche al rimorso dopo aver ucciso accidentalmente un suo commilitone nel corso di una feroce battaglia in un villaggio pieno di civili innocenti uccisi.

Il 20 gennaio 1968 viene ferito gravemente alla spina dorsale durante un’imboscata, perdendo di conseguenza l’uso delle gambe e costretto in sedia a rotelle. Tornato in patria e decorato con la Bronze Star Medal, Ron, paralizzato e impotente, avendo difficoltà d’inserimento decide di dedicarsi all’attivismo pacifista e confrontarsi con gli orrori della guerra, finendo varie volte arrestato in varie manifestazioni di protesta nonostante in sedia a rotelle.