Shōgun è sempre stata la storia di Mariko

Si riportano qui spoiler sull'episodio 9 di Shōgun.

-

In una storia ispirata a una guerra civile storica, gli eroi sono pochi. Nello spazio moralmente grigio di Shōgun, un luogo dove la corruzione si diffonde come un’erbaccia e assume molte forme, chi è il protagonista? Se si ragiona per lo spazio che assume in Shōgun, la risposta è senza dubbio John Blackthorne. A lui vengono dedicati lo spazio, la ragazza e un viaggio dell’eroe atipico ma dettagliato – ed è l’uomo bianco che i media occidentali apprezzano. L’adattamento di FX, realizzato da Justin Marks e Rachel Kondo, sfuma i confini in qualcosa di migliore. Il loro John Blackthorne non domina l’azione e la sua frustrazione per la passività forzata porta a scelte discutibili. Lord Yoshii Toranaga sembra un personaggio naturale, ma più lo spettatore riesce a vedere la sua mente segreta, meno si fida di lui.

In “Crimson Sky“, penultimo episodio della serie, Shōgun mette in chiaro una cosa: questa è sempre stata la storia di Lady Toda Mariko. Come un tattico di qualità, la serie è rimasta in equilibrio sul filo del rasoio per otto episodi prima di scoprire la sua mano. La figura che completa il triumvirato di Shōgun smette di nascondersi nell’ombra. Nell’episodio 9, Mariko si appropria del suo potere accettando il decreto del destino alle sue condizioni. Spoiler per la storia, ma la sua morte straziante, sia una richiesta di giustizia che un sacrificio protettivo (per non parlare di un’inevitabilità sovvertita), definisce il futuro del suo paese per secoli. Nessun personaggio si è rivelato più determinante per la forma dell’impeto drammatico di Shōgun. Mariko è Crimson Sky, una guerriera non più messa a tacere, il cui finale spinge la serie verso il suo atto conclusivo con una volatilità appropriata.

Mariko è la più grande arma di Shōgun

Dopo che Shōgun ha inflitto a Toranaga una serie di tragedie, la mossa più delicata e pericolosa del maestro stratega ricade sul suo braccio destro. Toranaga invia il suo vassallo più prezioso, il suo traduttore (il ripetitore di parole altrui che ha anche il potere di plasmarle – a proposito di temi!), a fare ciò che nessun altro potrebbe fare. Mariko si infiltra nella roccaforte dei nemici e intimidisce con intenzioni performative, e la sua morte unirà i resti sparsi del paese. Si tratta di un esercito di una sola donna. Gioca il gioco con una nobiltà che manca ai più alti signori del regno e a livelli che questi uomini non possono nemmeno lontanamente comprendere.

Non dovrebbe essere una sorpresa, dato che Mariko ha trascorso otto episodi come un’arma pronta per questo scenario. Il suo cuore spezzato rivela le fondamenta di Shōgun: nobiltà contro corruzione, libero arbitrio contro destino, i singolari effetti umani dell’inarrestabile evoluzione socioeconomica della storia. Oltre a questo, le azioni della sua famiglia lasciano che la trama si svolga. Suo padre era un rivoluzionario che aveva rovesciato un sovrano tirannico. Altri storici lo definirebbero un eroe. Ma la storia è troppo spesso scritta dai vincitori, che hanno fatto sì che Akechi Jinsai giustiziasse la sua famiglia e si togliesse la vita con il seppuku. A distanza di 14 anni, la natura ciclica dell’avidità si è ripresentata. I Reggenti non sono migliori, litigano per il potere a spese delle persone che dovrebbero servire. Se Akechi Jinsai vivesse, sarebbe spinto all’azione.

Prima d’ora, l’azione era proprio ciò che Mariko non poteva fare. È una donna limitata a muoversi all’interno di spazi attentamente monitorati. Mariko potrebbe esercitare l’influenza sorprendentemente potente ma limitata che possiede, ma è intrappolata nei confini dei giochi degli altri. Questi sono i gruppi che soffrono mentre i leader decidono. Traduttori, mogli, donne: a volte queste figure sono il potere dietro il trono. Il più delle volte guidano le prime linee o non rubano i riflettori della storia.

L'episodio 9 di 'Shōgun' rende omaggio alla forza di Mariko

Mariko si riappropria del suo potere attraverso le parole e i fatti in Shōgun.

Mariko ha detto saggiamente a Toranaga che “una donna è semplicemente in guerra”, e lei ha passato 14 anni a combattere. L’episodio 9 segna il momento in cui la sua resistenza raggiunge l’apice. La figlia di Akechi Jinsai ha ereditato la sua vena rivoluzionaria. Lady Ochiba (Fumi Nikaidō) definisce la salva iniziale di Mariko “la sua vendetta”, e non è falso, anche se Ochiba fraintende la sua vecchia amica. Presume che Mariko abbia intenzione di far cadere Osaka con lei, in modo che Mariko possa liberarsi dalla sua miseria e dal suo disonore personale. È vero, ogni respiro di Mariko è pungente come quello di chi vive con un vetro conficcato nel cuore; è stata messa alla prova, testata e ricostruita dalla tragedia. Ma le sue motivazioni non sono complicate dall’egoismo. Mariko servirà il suo signore per un bene superiore, vendicherà l’ingiustizia commessa contro la sua famiglia e darà la vita per proteggere gli innocenti. Rappresenta il meglio dell’umanità. Shōgun onora la ricca vita interiore di Mariko e mette al centro le sue tragedie senza sfruttare i suoi turbamenti.

Eppure, senza contraddirsi, il viaggio di Mariko riguarda la libertà. È un atto di protesta, che vuole seguire la sua famiglia nella morte. Nel flashback iniziale dell’episodio 9, Mariko, incinta, li piange al punto da fuggire nella neve. Suo marito Buntaro (Shinnosuke Abe) la costringe a vivere invece di onorare i suoi desideri, ma per cosa vive Mariko? Non può servire la sua famiglia e quindi non può servire se stessa. Quando inizia la linea temporale di Shōgun, Mariko sembra senza scopo. Servendo Toranaga, Mariko ricontestualizza e ridefinisce il suo obiettivo: continuare la lotta del padre in suo nome, attraverso il suo nome.

Nonostante le donne del periodo Sengoku detengano un potere progressivo, le parole di Mariko sono state il suo unico sfogo autonomo. Tutti obbediscono a una società feudale, all’interno della quale Buntaro possiede Mariko. Mariko manda in frantumi queste antiche convenzioni affermando la sua volontà di fronte ai Reggenti senza pentimenti. Per la prima volta da quando il padre l’ha data in sposa a Buntaro, ogni parola è propria di Mariko, che dichiara: “Non sarò mai prigioniera, né ostaggio, né confinata”. Il fatto che la sua dichiarazione faccia parte di un piano, una performance a beneficio dei signori, non la rende meno vera. Anche se suo padre è un traditore condannato, Mariko tiene Osaka in pugno. La nobildonna famosa per la sua poesia trasforma ogni parola in una lancia. Mariko si riappropria del suo potere, che le calza a pennello come una lama forgiata, come si conviene a una samurai che discende da guerrieri.

Nell’intervista esclusiva di Collider con l’attrice Anna Sawai ha dichiarato: “Mi piace quella scena perché la vediamo sotto una luce molto, molto diversa. Le è permesso di dire tutte queste cose. Le è permesso di ribellarsi a ciò che sta accadendo, ed è la prima volta che la vediamo esprimersi e dare l’atteggiamento che doveva tenere nascosto. Quindi non è stato troppo difficile da girare – è stato più liberatorio“.

L’episodio 9 di ‘Shōgun’ rende omaggio alla forza di Mariko

Quando Mariko avanza verso le porte del castello, non importa quante frecce le piovano addosso, non indietreggia mai. Mariko ha già passato la vita a evitare le frecce, sia letteralmente che metaforicamente. La sua camminata è il frutto di 14 anni di furia, strazio e sfida, misurati in centimetri. La sua rabbia, equilibrata, snella e indomabile – per la tragedia della sua famiglia, per il suo ruolo nella società e per l’abuso di potere da parte del Consiglio – è al tempo stesso polverizzante e catartica.

Tutto ciò che prova emotivamente quando è a terra, è vergogna”, ha aggiunto Sawai durante l’intervista a Collider. “Viene da una famiglia in cui è stata trattata con rispetto. C’è tutto quello che riguarda suo padre, ma lei non è una serva – ed è un imbarazzo per lei non essere in grado di servire il suo signore. Quindi la vediamo affrontare questa situazione, ma fa tutto parte del piano“.

L’episodio 9 dà forza a Mariko attraverso l’onestà: mostrando ciò che è veramente capace di fare all’interno di questa limitante ambientazione storica. In questo modo si liberano emozioni e aspetti che Mariko ha tenuto sotto controllo per tanto tempo. Gli spettatori possono dubitare della sincerità di Toranaga, ma Mariko non sta ballando ingenuamente al suo ritmo. La sua storia coinvolge gli uomini; il suo viaggio le appartiene. Se Crimson Sky non potrebbe esistere senza Mariko, allora Shōgun non sarebbe soddisfacente senza la donna ricca di sfumature che ne alimenta il battito.

Shōgun è sempre stato incentrato su Mariko

shogun anna sawai-mariko-

In un mondo più giusto di quello descritto da Shōgun, Mariko merita di vivere. Non può “divorziare da mio marito e mettersi con Blackthorne”, come ha detto Anna Sawai. È straziante che una delle protagoniste di Shōgun, specialmente se disegnata in modo empatico e appoggiata sulle potenti spalle di Anna Sawai, non possa aggirare il destino per l’ultima volta. Tuttavia, la prospettiva di Mariko differisce dalle filosofie occidentali tradizionali. Per lei, l’ineluttabilità della morte dà senso all’esistenza e il seppuku è una tradizione antica. In un certo senso, è difficile definire “Crimson Sky” una celebrazione della vita di Mariko, dato il suo inesorabile orrore, ma l’episodio 9 è davvero così. È interamente incentrato su di lei e sul momento (o sui momenti, in realtà) cruciale verso cui la serie è stata costruita. L’episodio 9 svela tutti i suoi legami prima di ricomporli nell’insieme essenziale che è Mariko, che si dà il caso sia una forza della natura.

Se Mariko avesse fatto seppuku prima dell’episodio 9, i leader corrotti del Giappone se ne sarebbero a malapena accorti. L’essersi schierata contro la porta del magazzino rimette l’autorità di Mariko nelle sue mani. La sua morte sacrificale trascende qualsiasi nozione di sé – “se la libertà è l’unica cosa per cui vivi”, disse una volta a Blackthorne, “allora non sarai mai libero da te stesso” – e allo stesso tempo realizza la sua protesta tanto attesa, questa volta contro un altro crudele signore. Salva degli innocenti, soprattutto altre donne. È così che può muoversi in questo mondo, e lo coglie. Mariko ha avuto la sua vendetta.

Anche se Mariko è stata sia il ramo senza foglie che il fiore che cade, non è più la prima. Le sue azioni spezzano le sue catene e sciolgono decine – migliaia – di legami altrui. Mariko serve il suo Paese, diventando uno dei pochi personaggi di Shōgun che lavorano davvero per il miglioramento del Giappone. Con il suo ultimo respiro, Mariko rivendica il suo potere, il suo scopo su questa terra e la sua identità. Si fa chiamare con il suo nome di nascita, “Akechi Mariko”. Mariko è sempre stata il cuore della serie. Shōgun si trasforma nella sua storia, ma non prima che lei la faccia sua per prima.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -