Barry: la recensione della prima stagione della serie di Bill Hader

La serie Barry, ideata da Bill Hader, si presenta come un brillante ibrido tra commedia, dramma e thriller, con risvolti quanto mai inaspettati.

Divenuto celebre grazie al popolare show Saturday Night Live, dove ha dimostrato e consolidato le proprie capacità comiche, Bill Hader ha negli anni recitato anche in diversi film come The Skeleton Twins e It – Capitolo due. Delle sue opere di fiction, però, nessuna è apprezzata tanto quanto la serie Barry, di cui Hader è ideatore insieme ad Alec Berg. Trasmessa sulla celebre emittente televisiva HBO a partire dal 2018, questa era ad oggi ancora inedita in Italia. Diventa finalmente disponibile a partire dal 12 aprile sul canale Sky Atlantic. Terminata la prima, composta da 8 episodi, da maggio sullo stesso canale arriverà anche la seconda stagione, in attesa della già annunciata terza.

Protagonista della serie è proprio Barry (Bill Hader), un ex marine che lavora ora come sicario a basso costo. Solitario, depresso e insoddisfatto della sua vita, si reca con riluttanza a Los Angeles per uccidere un aspirante attore diventato amante della moglie di un mafioso. Iscrittosi al corso di recitazione frequentato dall’uomo, si ritrova inaspettatamente ad essere accolto nella comunità di un gruppo di entusiasti e speranzosi attori, che hanno come coach Gene Cousineau (Henry Winkler). In particolare, stringe amicizia con una studentessa appassionata, Sally. Barry inizia così a sviluppare il desiderio di iniziare una nuova vita come attore, ma il suo passato criminale non gli permetterà di andarsene tanto facilmente.

Una commedia dai toni cupi

In un contesto dove le serie televisive prolificano sempre più, portando in televisione ogni genere possibile, sembra esserci sempre meno spazio per prodotti che non siano connotati da una forte originalità. La storia ideata da Hader e Berg, ad un primo sguardo, sembra offrire la non nuova storia di un assassino pentito costretto a fare i conti tanto con le proprie nuove aspirazioni quanto con i fantasmi del passato. La trama di Barry può dunque lasciar pensare ad un progetto che non ha molto da dire, eppure la serie riesce a sorprendere nel modo in cui decide di trattare questo materiale narrativo.

Hader punta naturalmente sulla commedia, suo genere di riferimento, presentando personaggi ed eventi estremamente diverti nel loro essere bizzarri e sopra le righe. Con il progredire della storia, però, ci si accorge di come la serie non si risparmia anche nel macchiare quella stessa commedia con una serie di elementi più maturi e cupi. Il dramma e il thriller entrano a far parte della storia, combinandosi in modo insolito ad elementi che normalmente sono il loro opposto. I due autori riescono così a superare le aspettative, rendendo di fatto Barry un prodotto imprevedibile, capace di parlare a spettatori molto diversi.

Il protagonista, chiaramente affetto da un disturbo da stress post-traumatico causato dai suoi anni come marine, è pur sempre un killer chiamato ad uccidere. Morte e comicità si mescolano dunque dando vita ad un equilibrio che porta a vivere un’altalena di emozioni. Non si sa mai se ad un momento divertente ne seguirà uno altrettanto comico o uno profondamente drammatico. I risultati migliori si hanno poi proprio con quest’ultimo caso, da cui si generano contrasti di cui la serie si fa forte. Gli appassionati dell’attore e regista non devono dunque aspettarsi una pura serie comedy, bensì un ibrido particolarmente vincente.

Barry Bill Hader

Barry: la recensione della serie TV

Di Barry c’è di certo che molto del suo successo è dato anche dalla grande performance di Hader. Mattatore assoluto e qui pronto a dimostrare una volta di più il suo talento. La sua persona si sposa perfettamente con il tono che la serie vuole assumere. Hader riesce infatti ad essere tanto comico pur rimanendo assolutamente serio o compiendo azioni decisamente drammatiche. Egli è inoltre regista dei primi tre episodi della prima stagione, che si affermano anche come i più affascinanti in quanto a messa in scena, dimostrando dunque anche il grande talento di Hader per la regia.

Egli sa però di non poter basare l’intera serie solo su di sé. Per ciò si circonda di una serie di attori che arricchiscono di elementi comici o drammatici la narrazione. In particolare, gradita sorpresa, è data da Henry Winkler. Globalmente noto per essere stato Fonzie in Happy Days, l’attore dà qui prova di possedere ancora il carisma del suo personaggio più celebre. Premiato con l’Emmy al miglior attore non protagonista, egli si inserisce a sua volta nel bizzarro contesto della serie con una presenza tanto brillante quanto imprevedibile. L’imprevedibilità diventa dunque il principale elemento ricorrente nella serie, capace di divertire, spaventare e infine anche commuovere nel profondo.

 
 

RASSEGNA PANORAMICA

Sommario

Hader punta naturalmente sulla commedia, suo genere di riferimento, presentando personaggi ed eventi estremamente diverti nel loro essere bizzarri e sopra le righe. Con il progredire della storia, però, ci si accorge di come la serie non si risparmia anche nel macchiare quella stessa commedia con una serie di elementi più maturi e cupi. L’imprevedibilità diventa dunque il principale elemento ricorrente nella serie, capace di divertire, spaventare e infine anche commuovere nel profondo.
Gianmaria Cataldo
Laureato in Cinema e Arti Digitali alla Sapienza, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. I principali campi di attività riguardano la critica e gli approfondimenti cinematografici.
- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -