sex-education-2-recensione

Crescere è non è mai facile, e a complicare le cose ci si mette di mezzo il sesso. Dalla scoperta al desiderio, ecco che questo caratterizza in modo quasi ossessivo le vite degli adolescenti protagonisti di Sex Education 2, la nuova stagione della fortunata e apprezzata serie TV targata Netflix, ideata da Laurie Nunn, e in arrivo sulla piattaforma dal 17 gennaio. Se i primi otto episodi portavano lo spettatore all’interno del liceo Moordale, dove era possibile conoscere i vari protagonisti e i loro conflitti, le nuove puntate sono pronte a regalare ulteriori sviluppi, ma non senza riservare sorprese. Forse leggermente inferiore rispetto all’esplosiva prima stagione, la serie non manca ad ogni modo di riproporre, in modo innovativo, quegli elementi che ne hanno decretato il successo.

 

Se la prima stagione si concludeva con il fidanzamento di Otis (Asa Butterfield) con Ola (Patricia Allison), i nuovi episodi presenteranno un protagonista ormai definitivamente sbocciato sessualmente. Questi dovrà però ora imparare a padroneggiare gli impulsi sessuali appena emersi per portare avanti la sua relazione, cercando allo stesso tempo di gestire il rapporto conflittuale con Maeve (Emma Mackey). Nel frattempo, il liceo Moordale è alle prese con un’epidemia di clamidia, che rende evidente la necessità di una migliore educazione sessuale scolastica.

Sex Education 2: il sesso è parte di noi

«Il sesso non ci rende completi, quindi come potrebbe mancarti un pezzo?». È questa frase, pronunciata dalla terapista sessuale Jean Milburn, a racchiudere il cuore di questa seconda stagione. Se infatti nella prima molti dei ragazzi si trovavano alle prese con i primi contatti sessuali, ora è tempo di imparare a gestire quanto appreso. Una responsabilità non da poco, perché si sa, dall’attrazione fisica può nascere quella sentimentale, ed è questa a causare le vere ferite emotive. Le nuove puntate affrontano dunque di petto quanto fino ad ora costruito, ponendo i personaggi di fronte a nuovi conflitti, eventi apparentemente “normali” che assumono, se guardati con occhi da adolescenti, proporzioni catastrofiche.

Ora più che mai, infatti, è tempo di scoprirsi. Ed è così che Sex Education si apre ad un’incredibile varietà sessuale, trattandola con una gentilezza ed una spontaneità straordinarie. L’amore, che sia eterosessuale, bisessuale, omosessuale o pansessuale, non è qui mai una cosa a cui guardare con sospetto. Questo passa quasi inosservato, non desta scandalo. È una realtà mentalmente aperta quella qui raffigurata. E se qualche personaggio prova paure circa la propria sessualità, queste nascono da sé stessi, dalle proprie insicurezze, dal non piacersi abbastanza. D’altronde «è difficile farsi piacere uno che non si piace», come recita uno dei protagonisti.

Ma oltre al sesso c’è di più, e così la serie si apre ad un più ampio respiro arrivando a trattare tematiche particolarmente attuali nel contesto giovanile, dal conflitto acceso con i genitori all’incertezza e alle pressioni verso il futuro, fino alla solidarietà femminile, a cui è riservata una delle sotto trame più emozionanti all’interno dei nuovi episodi. Il tutto sorretto da quella scrittura intelligente che ha caratterizzato la serie sin dal suo debutto. Una sceneggiatura che si basa su luoghi e personaggi canonici a cui è poi dato modo di sbocciare in tutta la loro forza, dando vita a percorsi che mostrano la capacità degli autori di mantenere gli elementi di successo della serie senza ripetersi. Autori che, pur se non più adolescenti, sanno descrivere con la giusta dose di nostalgia quell’età, fatta di piccoli dettagli e grandi esplosioni interne.

sex-education-2-serie-netflix

Sex Education: la recensione della serie Netflix

Pur non raggiungendo, probabilmente per motivi narrativi, il picco raggiunto dalla prima stagione, Sex Education riesce nuovamente ad affermarsi come un prodotto gioioso, in grado di rappresentare nel modo più vivace possibile un contesto tanto fervido. Lo fa grazie ad una messa in scena dai colori vividi, i quali associati a brillanti dialoghi costruiscono alcuni dei momenti emotivamente più forti della serie, a cui non manca anche in questo caso una calzante colonna sonora. Grazie ad un cast che ancora una volta conferma la sua forte alchimia, dando vita ad una coralità ai cui è difficile rimanere estranei. Ognuno dei giovani protagonisti, anche quelli con meno spazio narrativo, segue un percorso che trova progressivo sviluppo, e si rivela fondamentale per dar vita ad un ritratto completo di un’adolescenza tanto inclusiva.

Accompagnata da sincere emozioni, momenti di puro umorismo, sequenze, scene e immagini dal forte impatto, e una dilagante libertà di linguaggio, la serie si ripropone così come uno dei prodotti più interessanti della piattaforma streaming, di quelli che, senza tabù, meglio sa parlare di e ad un’adolescenza che si definisce anche attraverso la scoperta della sessualità. Un processo di crescita qui messo in scena con tutte le difficoltà del caso, a cui è però possibile sopravvivere se si trova il coraggio di esprimere i propri sentimenti, anche qualora questo dovesse far soffrire.

Leggi anche: