The Walking Dead 4×10: recensione dell’episodio con Andrew Lincoln

The Walking Dead incentrata su Rick (Andrew Lincoln), Carl (Chandler Riggs) e Michonne (Danai Gurira) è tempo di conoscere come gli altri protagonisti della serie sono sopravvissuti alla furia vendicativa del Governatore (David Morrissey) e al conseguente abbandono della prigione.

 

Un episodio strutturato come una serie di vignette di natura fumettistica, che non seguono un ordine cronologico ma si concentrano di volta in volta sui fuggitivi e che riprende l’annosa questione sul perché continuare a sperare in un mondo apparentemente senza speranza. La speranza che ormai ha abbandonato il cinico Daryl (Norman Reedus); la speranza alla quale Beth (Emily Kinney), come pagine strappate da un diario, sta rinunciando; la speranza che Glenn (Steven Yeun) e Maggie (Lauren Cohan) nonostante tutto continuano ad avere nel ritrovarsi.

L’episodio si apre con Daryl e Beth che scappano per i boschi. Beth, sulla scia di Daryl, sta perdendo mano a mano la sua incrollabile fiducia nel destino e sta lentamente abbandonando la speranza di ritrovare gli altri fuggitivi. Senza soluzione di continuità si passa alle due bambine Lizzie e Mika accompagnate da un preoccupato Tyreese (Chad L. Coleman) che non sa bene come affrontare il futuro. In loro aiuto arriva a sorpresa, Carol (Melissa McBride), che ritroviamo dopo essere stata costretta ad abbandonare la prigione per essersi assunta la responsabilità della morte di Karen, fidanzata di Tyreese, uccisa forse da Lizzie. La conferma della instabilità mentale della bambina arriva quando per far star zitta Judith, le tappa la bocca fino quasi a farla soffocare, rivelando una natura ambigua, simile in questo verso a Carl.

The-Walking-Dead-4x10-2

Un gruppetto che sulla carta potrebbe rivelarsi esplosivo. Maggie invece è finita insieme a Sasha (Sonequa Martin-Green) e Bob (Larry Gilliard Jr.) che si avventurano alla ricerca di Glenn (da segnalare la scena del bus, veramente ben fatta). Glenn però è rimasto alla prigione credendo di ritrovare la moglie ed invece trova Tara, che si sente ancora in colpa per quanto successo con il Governatore. L’episodio si conclude con i due che si imbattono in tre nuovi personaggi provenienti dal fumetto originale: Rosita, Eugene e Abraham. E non sembrano avere buone intenzioni.

Interessante la nuova linea che lo showrunner della serie Scott M. Gimple ha intrapreso per questa seconda parte di stagione. Una narrazione frammentata, perfettamente equilibrata (almeno in questo Inmate) che lascia aperte per tutti i personaggi possibilità pressoché illimitate per lo sviluppo della serie e una grande gamma di strade da percorrere, considerata l’eterogeneità dei gruppetti che si sono formati. Attenzione però a stare troppo per le strade: autostoppisti potrebbero essere stati detenuti in prigione.

The Walking Dead 4×10

The Walking Dead 4 è la quarta stagione della serie tv The walking Dead ideata dal regista Frank Darabont e basata sull’omonima serie a fumetti scritta da Robert Kirkman e trasmessa dal canale americano AMC.

In The Walking Dead 4 protagonisti sono Rick Grimes interpretato da Andrew Lincoln, Lori Grimes interpretata da Sarah Wayne Callies, Andrea interpretata da Laurie Holden, Glenn Rhee interpretato da Steven Yeun, Carl Grimes interpretato da Chandler Riggs, Daryl Dixon interpretato da Norman Reedus, Carol Peletier interpretata da Melissa McBride, Merle Dixon interpretato da Michael Rooker, Morgan Jones interpretato da Lennie James, Hershel Greene interpretato da Scott Wilson, Maggie Greene interpretata da Lauren Cohan, Beth Greene interpretata da Emily Kinney, Michonne interpretata da Danai Gurira e Philip Blake/Il Governatore interpretato da David Morrissey.

Nei ruoli ricorrenti troviamo Judith Grimes interpretata da Cailey Fleming, Tyreese Williams interpretato da Chad Coleman, Sasha Williams interpretata da Sonequa Martin-Green.

La serie racconta di Rick Grimes è un vice-sceriffo della Georgia che viene ferito in servizio durante uno scontro a fuoco. Al suo risveglio in ospedale si rende tuttavia conto che il virus che sembrava essere stato messo sotto controllo poco prima del suo incidente ha preso piede risvegliando i morti, che si tramutano in degli zombie che attaccano i vivi. Riuscito ad uscire dalla città e riunitosi alla sua famiglia e ad altri superstiti, Rick guiderà il suo gruppo alla ricerca di un luogo sicuro scoprendo presto che la minaccia maggiore non sono le diaboliche creature ma gli esseri umani rimasti, guidati unicamente dall’istinto di sopravvivenza.

RASSEGNA PANORAMICA

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -