Harry Potter e la pietra filosofale film

Con l’arrivo nelle sale di tutto il mondo del film Harry Potter e la pietra filosofale prende vita una delle saghe fantasy più celebri e dal maggior successo di sempre. È il 2001 quando gli spettatori vengono condotti dal regista Chris Columbus alla scoperta di Hogwarts e del magico mondo dei maghi. Un mondo nato dalla penna di J. K. Rowling e che ha negli anni conquistato sempre più fan in ogni parte del mondo per le sue tematiche legate alla crescita, all’amicizia e al coraggio.

 
 

Tutto prende vita nel momento in cui la Warner Bros. compra i diritti del libro nel 1999, avviando la produzione della sua trasposizione. Il libro, pubblicato nel 1997, era in breve tempo diventato un vero e proprio caso letterario, tradotto in 77 lingue e con una vendita complessiva di circa 120 milioni di copie. Tale risultato spinse da subito lo studios cinematografico a portare sul grande schermo tale storia, avvalendosi di effetti speciali, scenografie e costumi rimasti nell’immaginario collettivo. Dopo lunghi preparativi, il film fu infine pronto per arrivare in sala e andare incontro ad un pubblico particolare curioso.

Nonostante non tutti fossero convinti del successo assicurato di cui si teorizzava, Harry Potter e la pietra filosofale si affermò da subito come un vero e proprio campione di incassi. A fronte di un budget di circa 125 milioni, il titolo ha infatti incassato oltre un miliardo di dollari a livello globale. Ad oggi è il secondo film dal maggior successo della saga, secondo solo a Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2. Tale risultato permise di far proseguire le avventure cinematografiche del giovane mago, con ulteriori 7 sequel e numerosi altre attività legate al titolo. Ad oggi, quello di Harry Potter è infatti uno dei franchise più redditizi della storia.

Harry Potter e la pietra filosofale: la trama del film

La storia del film si apre sul piccolo Harry Potter, rimasto orfano all’età di un anno viene consegnato agli zii materni, i quali li accolgono malvolentieri e lo fanno crescere in un clima ostile. Crescendo il ragazzo impara a sopportare i soprusi degli zii e di suo cugino Dudley, finché arriva il giorno della sua rivalsa. Alla vigilia del suo undicesimo compleanno, infatti, Harry riceve una misteriosa lettera dalla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. Egli si ritrova così ad essere ammesso lì dove i suoi stessi genitori studiarono e si conobbero. Liberatosi degli asfissianti zii, Harry intraprende così il primo vero viaggio della sua vita. Durante questo ha modo di conoscere nuovi amici, come Ron, Hermione e il guardiacaccia Hagrid. Sulla sua strada non mancheranno però anche dei nemici, come il giovane e arrogante Draco Malfoy.

Giunto alla scuola, Harry si ritrova catapultato in un mondo incredibile, ricco di magia, segreti e possibilità. Ben presto, però, egli capirà di essere al centro di qualcosa di più grande. La cicatrice a forma di saetta che porta sulla fronte sin dal giorno in cui i suoi genitori morirono inizia a bruciare più che mai. È un avvertimento, che lo porterà a scoprire che qualcosa di malvagio si aggira per la scuola. Qualcosa che si credeva morto ma che sembra esserlo in parte. Harry si troverà così al principio di una battaglia che gli rivelerà il suo oscuro passato, e che potrà vincere soltanto con l’aiuto dei suoi nuovi amici. Se c’è una cosa che infatti il giovane mago comprende durante la sua permanenza ad Hogwarts è che la magia più forte di tutte è l’amicizia.

Harry Potter e la pietra filosofale: il cast del film

Per un film tratto da un romanzo tanto popolare la scelta degli interpreti è fondamentale. I produttori svolsero lunghi casting per cercare gli interpreti più idonei per quei personaggi tanto iconici. Per il ruolo di Harry Potter venne infine scelto Daniel Radcliffe, all’epoca noto solo per alcune partecipazioni televisive. I genitori di questi, tuttavia, erano inizialmente restii a lasciare che il figlio ottenesse la parte, spaventati dalla popolarità che avrebbe ottenuto. Questi si lasciarono però infine convincere, e la stessa Rowling affermò che Radcliffe possedeva proprio il genere di volto che aveva immaginato per il personaggio. Il personaggio di Ron Weasley, migliore amico di Ron, è invece interpretato da Rupert Grint. Grande fan dei libri, questi si ritenne perfetto per la parte essendo rosso di capelli, e dopo aver inviato un video provino venne ricontattato ottenendo infine il ruolo.

Emma Watson venne proposta per la parte di Hermione Granger dalla sua insegnante di teatro. L’attrice sostenne ben cinque provini prima di ottenere il ruolo, e a convincere i produttori fu proprio la fiducia in sé stessa dimostrata. Il ruolo di Rubeus Hagrid è stato invece ricoperto da Robbie Coltrane, a sua volta grande fan dei libri e che si preparò alla parte parlando con l’autrice del passato e del futuro del personaggio. Il celebre preside Albus Silente è invece qui interpretato da Richard Harris. Questi inizialmente aveva rifiutato il ruolo, ma cambiò idea dopo che sua nipote gli disse che non gli avrebbe più parlato se non lo avesse interpretato. Tra i più celebri personaggi della saga, Severus Piton è interpretato dal grande Alan Rickman, il quale accettò entusiasta e lavorò a lungo insieme alla Rowling per caratterizzare il personaggio sia caratterialmente che esteticamente. Infine, Tom Felton è l’interprete di Draco Malfoy, mentre Maggie Smith della professoressa McGranitt.

Harry Potter e la pietra filosofale: le differenze tra il libro e il film

Nell’adattare il romanzo in un film, il regista e lo sceneggiatore hanno definito l’operazione come particolarmente complessa. Molte delle situazioni descritte nel testo risultavano infatti di difficile realizzazione. Altre si preferì tralasciarle poiché ininfluenti ai fini della storia principale. Nel processo di riscrittura, ad ogni modo, la Rowling ebbe modo di supervisionare il lavoro, arrivando ad approvare una sceneggiatura finale che per lei era particolarmente fedele a quanto narrato nel romanzo. Grossomodo, gli autori del film modificarono solo alcuni piccoli dettagli, eliminando personaggi come quello di Pix e alterando alcuni degli incontri tra i principali personaggi. Harry e Draco, ad esempio, nel film si conoscono per la prima volta proprio all’interno di Hogwarts.

Per quanto riguarda la struttura degli eventi, invece, il film mantiene inalterato quanto viene narrato nel film, dimostrandosi effettivamente come un adattamento particolarmente fedele. Inizialmente, però, lo sceneggiatora aveva incluso un particolare dettaglio, mai rivelato, che fu però rimosso su volontà della Rowling. La scrittrice, infatti, affermò che questo entrava in aperto contrasto con una rivelazione che si sarebbe concretizzata soltanto nel quinto libro, al quale stava in quel momento lavorando. L’introduzione di quel dettaglio contraddiceva questo evento futuro, e si preferì dunque rimuoverlo. L’autrice non ha però mai voluto rivelare la natura di questo, lasciando così il dubbio ai suoi numerosi lettori.

Harry Potter e la pietra filosofale: il trailer e dove vedere il film in streaming

Per gli appassionati del film è possibile fruire di questo grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Harry Potter e la pietra filosofale è infatti disponibile nel catalogo di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Infinity, Apple iTunes e Amazon Prime Video. Per vederlo, basterà sottoscrivere un abbonamento generale o noleggiare il singolo film. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si ha soltanto un determinato periodo di tempo entro cui vedere il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di giovedì 12 novembre alle ore 21:20 su Canale 5.

Fonte: IMDb