L’amore bugiardo – Gone Girl, la spiegazione del finale: Come fa Amy a tornare?

-

L’amore bugiardo – Gone Girl, il thriller di David Fincher del 2014, è uno di quei film che, per spiegarne appieno il finale, bisogna praticamente ripercorrere l’intera storia. Dopotutto, la trama dell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Gillian Flynn è così complessa, così piena di piccoli colpi di scena che tralasciare qualche dettaglio sembra quasi criminale.

Inizialmente, la storia sembra essere piuttosto semplice: Nick Dunne (Ben Affleck), scrittore fallito e proprietario di un bar, torna nella sua casa nel Missouri il giorno del suo anniversario di matrimonio e trova il salotto in disordine e la moglie scomparsa. Chiama la polizia e, non appena iniziano le indagini, cominciano a spuntare dappertutto indizi che fanno pensare che Nick abbia davvero ucciso la moglie.

C’è una polizza assicurativa che è stata recentemente aumentata, schizzi di sangue mal puliti sul pavimento della cucina, debiti con la carta di credito per oggetti che la povera Amy Dunne (Rosamund Pike) non avrebbe mai comprato per sé e, naturalmente, una relazione. Sebbene Nick ribadisca spesso di non aver ucciso la moglie, le sue azioni cominciano a sembrare sempre più sospette e i media utilizzano momenti selezionati, come il suo sorriso accanto al poster della moglie scomparsa, per creare l’immagine perfetta di un mostro.

Come se non bastasse, Amy non è una normale casalinga. Durante la sua infanzia a New York, è servita da ispirazione ai suoi genitori per creare Amazing Amy, un personaggio di una serie di libri per bambini che ha conquistato il cuore di milioni di persone. Per anni Amy è stata messa in ombra da questa versione migliorata di lei, che ha preso un cane quando non le era permesso e si è sposata prima ancora che Nick le facesse la domanda.

Pertanto, tutti sono più che propensi a credere che la stessa Amazing Amy sia stata vittima di un marito terribile e forse violento, e questi sospetti acquistano credibilità solo quando la polizia scopre un diario semi-bruciato scritto da Amy nella casa del padre di Nick. In esso, l’ex musa dell’infanzia descrive una relazione in crisi con un marito crudele che la picchia quando lei accenna alla possibilità di avere un figlio. Quando la detective Rhonda Boney (Kim Dickens) scopre che un test di gravidanza positivo è stato recentemente aggiunto alla cartella clinica di Amy, Nick sembra essere piuttosto condannato.

Durante questo calvario, l’unica persona che Nick ha veramente al suo fianco è la sorella gemella Margo (Carrie Coon). Insieme, iniziano a sospettare che Amy possa aver falsificato la propria morte con l’unico scopo di distruggere la vita del marito. Sembra una forzatura, un’idea nata dal fatto che a Margo non piaceva Amy e Nick era sul punto di chiedere il divorzio. Tuttavia, tutto diventa abbastanza plausibile quando l’annuale caccia al tesoro per l’anniversario di Amy conduce Nick a un capanno in cui sono nascosti tutti gli oggetti che lui avrebbe comprato con la loro carta di credito, insieme a un paio di bambole di Punch e Judy, personaggi di una tradizionale rappresentazione di marionette in cui un marito uccide la moglie e il bambino.

Amy finge la sua morte in L’amore bugiardo – Gone Girl

L'amore bugiardo - Gone Girl Rosamund Pike

Tutto questo accade intorno alla soglia dell’ora, ed è proprio qui che avviene la grande rivelazione del film. Il film taglia improvvisamente su Amy che guida una vecchia auto lungo una strada, con il braccio sinistro che mostra una fasciatura su una ferita recente.

Pronunciando il suo ormai famoso monologo da “ragazza figa”, un punto fermo dell’universo cinematografico di Good for Her, Amy spiega come ha falsificato la scena del crimine a casa sua e come ha attirato Nick per fargli aumentare la polizza assicurativa e ha comprato cose che solo a lui sarebbero piaciute per farlo sembrare un marito succhiasangue.

Stanca di aver passato la vita a dare spettacolo, prima come Amazing Amy e poi come fidanzata e moglie perfetta di un uomo che l’ha ripagata solo con disprezzo e una relazione, Amy ha deciso di riprendere il controllo della sua esistenza. Oppure ha deciso di vendicarsi di Nick a qualunque costo.

Nel monologo, parla di uccidersi in modo che la polizia trovi il suo corpo e lo riconduca a Nick, ma in seguito la vediamo rimuovere il post-it “Ucciditi” dalla sua agenda, suggerendo che vedere il marito distrutto sulla televisione nazionale è troppo bello per lasciarselo scappare.

Ma la nuova, meravigliosa vita di Amy non sta andando esattamente come previsto. Nascosta in un motel da quattro soldi, fingendo di essere una donna scappata e maltrattata, alla fine viene picchiata e derubata dai suoi cosiddetti amici, mentre Nick si costituisce avvocato e cerca di trovare altri uomini nel passato di Amy che possano aiutarlo a dimostrare che sua moglie non è quella che la gente crede.

Trova un uomo, Tommy (Scoot McNairy), che sostiene che Amy lo abbia accusato ingiustamente di stupro dopo la loro rottura, ma non ha la stessa fortuna con un altro ex fidanzato di lei: il suo amore del liceo, Desi Collings (Neil Patrick Harris). Accusato da Amy di essere uno stalker, Desi è ancora molto attaccato alla sua ex e corrisponde regolarmente con lei. Quando Nick gli chiede aiuto, lui si limita a voltargli le spalle e a chiudere la porta.

Ora Amy sa di avere un alleato in Desi. Così, con un occhio nero autoinflitto, va a cercarlo, implorando aiuto. Desi la accoglie, naturalmente, portandola nella sua casa sul lago super-sicura, con tutti gli ingressi protetti da telecamere. Amy è evidentemente a disagio con lui, ma non sa cos’altro fare per uscire dalla sua situazione.

Non può semplicemente fare le valigie e andarsene, perché non sarebbe corretto: è una donna maltrattata che ha disperatamente bisogno di un rifugio sicuro, questa è la sua storia, ed è meglio che abbia un aspetto adeguato. Tuttavia, le cose prendono una svolta quando Amy vede Nick in televisione, che rilascia un’intervista in cui riconosce la relazione e tutti i suoi errori. Ovviamente fa tutto parte della strategia mediatica del suo avvocato, ma ad Amy non importa. Nick ha detto tutte le cose che lei voleva che dicesse e ora è arrivato il momento di tornare a casa. C’è solo un problema: Desi.

Amy uccide Desi per tornare a casa in L’amore bugiardo – Gone Girl

Lascerebbe un buco nel suo piano perfettamente architettato di tornare semplicemente dal marito violento dopo tutto quello che ha detto a Desi su di lui. Cosa penserebbe Desi di lei? Peggio ancora, cosa direbbe di lei e cosa farebbe pensare agli altri? Per uscire da questo enigma, la brillante mente criminale di Amy escogita un nuovo piano.

Quando Desi è fuori casa, si lega le gambe e finge di disperarsi davanti alla sua porta, facendo credere a chiunque guardi i filmati di sicurezza che si tratta di una donna rapita che cerca di sfuggire alla prigionia. Si masturba con una bottiglia di vino per creare lesioni simili a quelle di uno stupro nella sua vagina e poi seduce Desi. Mentre fanno sesso, estrae un taglierino e taglia la gola a Desi. Ricoperta del suo sangue, lascia la casa sul lago e torna da Nick.

Nick, Margo e il detective Boney hanno una miriade di domande su cosa sia successo esattamente ad Amy, la più pressante delle quali è come sia riuscita a procurarsi un taglierino per uccidere Desi. Ma, ancora una volta, Amy usa l’ottica contro di loro. Mentre Nick viene criticato per non essere abbastanza felice che sua moglie sia tornata a casa, Boney viene accusato di essere troppo incompetente per gestire il caso. Con facilità, Amy si rituffa nella sua vecchia vita. Spaventato da ciò che gli altri potrebbero pensare di lui, Nick si trova incapace di lasciare la moglie, con grande disperazione di Margo.

E c’è anche la questione del bambino. Il test di gravidanza scoperto dal detective Boney all’inizio del film poteva essere falso, ma questa volta Amy è davvero incinta. O, almeno, così dice lei. Questo è un ulteriore motivo per Nick di rimanere con lei, perché cosa penserebbe la società di un uomo che abbandona la moglie incinta appena tornata dalla prigionia di un ex fidanzato geloso? Inoltre, come suggerito dalla conversazione con Margo, Nick vuole restare con Amy. Vuole dare un’altra possibilità al loro matrimonio. Indosserà una maschera e reciterà un ruolo per lei, a patto che anche lei mantenga la sua maschera da “ragazza cool”.

Che cosa ha da dire L’amore bugiardo – Gone Girl sul matrimonio?

L'amore bugiardo - Gone Girl

Alla fine, è quello che vuole Amy. Ha trascorso anni a mettere in scena una facciata per Nick, vuole che lui le faccia la stessa cortesia. Vuole che si comportino insieme come se fossero una facciata. Ed è proprio qui che si trova il vero significato di Gone Girl. Fincher e Flynn dipingono il quadro più contorto possibile di una relazione per criticare il matrimonio tradizionale e il modo in cui trattiamo le nostre cosiddette relazioni romantiche.

Siamo tutti, come Nick e Amy, ad indossare i costumi di versioni più felici di noi stessi? Tutte le coppie felici fingono di essere felici, non per il bene dei bambini o altro, ma solo per le apparenze? “Apparenza” è la parola chiave di Gone Girl. Il film è tutto incentrato su come veniamo percepiti e su quanto ci spingiamo in là per rimanere dalla parte della società. Dopo tutto, l’ostracismo che potrebbe derivare dall’apparire cattivi è semplicemente insopportabile.

Il tutto si ricollega al monologo iniziale di Nick, in cui, mentre accarezza i capelli della moglie, si chiede cosa stia pensando e fantastica di aprirle il cranio. È un pensiero vendicativo, ovviamente: teme che lei stia progettando qualcos’altro contro di lui e vorrebbe letteralmente poterla uccidere dopo quello che ha fatto. Tuttavia, vuole anche sapere cosa si nasconde sotto la facciata di Amazing Amy, vuole aprire il suo costume e vedere la verità che nasconde. Ahimè, questo non è possibile: tutto ciò che possiamo conoscere dell’altro sono le nostre maschere.

Gone Girl in streaming è disponibile sulle seguenti piattaforme:

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Wolfkin film

Wolfkin: tutto quello che c’è da sapere sul film

Il cinema horror ha negli anni regalato innumerevoli iconici personaggi, molti dei quali entrati ormai nell’immaginario collettivo. Tra i più amati di sempre vi...
- Pubblicità -