Prey, la spiegazione del finale: Naru riesce a sconfiggere il Predator?

-

Il film del 2022 Prey porta la saga di Predator indietro nel tempo, contrapponendo uno dei più grandi cacciatori della galassia ai guerrieri Comanche del 1700. Nuovo periodo, ma stesso letale Predator, dunque, per un film che si configura come una vera e propria origin story della saga. Diretto da Dan Trachtenberg, Prey (qui la nostra recensione) racconta infatti la storia della prima caccia della specie Predator sulla Terra.

Durante un’intervista, Trachtenberg ha spiegato che il suo obiettivo per il film era quello di tornare alle radici del franchise: “l’ingegnosità di un essere umano che non si arrende, che è in grado di osservare e interpretare, in fondo è in grado di battere una forza più forte, più potente, ben armata“. Storicamente accurato e ricco di momenti di grande intrattenimento, il film è poi stato un vero e proprio successo ed è da molti definito il capitolo più avvincente della saga.

Per i fan dei precedenti capitoli, si tratta dunque di un ritorno alle origini che, date le sue particolarità, non mancherà di entusiasmare. In questo articolo, approfondiamo dunque alcune delle principali curiosità relative a Prey. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori, alla spiegazione del finale e a ciò che sappiamo riguardo un sequel. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Prey film Amber Midthunder
Foto di David Bukach/ HULU – © 2022 20th Century Studios. All Rights Reserved.

La trama e il cast di Prey

Ambientato nel 1719 nelle Grandi Pianure, il film ha per protagonista la giovane Naru, guerriera feroce ed estremamente abile della tribù dei Comanche. Cresciuta all’ombra di alcuni dei più leggendari cacciatori del suo popo, Naru intende dimostrare di poter proteggere la sua gente quando un pericolo minaccia il suo accampamento. La preda che insegue, e che infine affronta, si rivela però essere un predatore alieno altamente evoluto con un arsenale tecnologicamente avanzato Ne seguirà una feroce e terrificante resa dei conti tra i due avversari.

Ad interpretare Naru, la giovane guerriera Comanche, vi è l’attrice Amber Midthunder. Dakota Beavers ricopre invece il ruolo di Taabe, fratello di Naru. Michelle Thrush è invece Aruka, la loro madre, mentre Julian Black Antelope ricopre il ruolo di Capo Kehetu. Bennett Taylor, invece, è Raphael Adolini, un traduttore italiano assunto dai francesi. Infine, l’ex giocatore di pallacanestro Dane DiLiegro interpreta il selvaggio Predator, che brandisce versioni primitive delle armi avanzate usate dai Predator nei precedenti film.

La spiegazione del finale

Il combattimento finale di Prey inizia con Naru e suo fratello Taabe che affrontano entrambi il Predator. Taabe, tuttavia, viene poi ucciso dall’alieno mentre Naru fugge e riesce poi ad ingerire il particolare fiore che permette di nascondere il calore corporeo, che è ciò a cui il Predator fa riferimento per individuare le sue prede. A quel punto, Naru usa la pistola avancarica a pietra focaia per tendere un’imboscata al Predator, riuscendo a fargli cadere la sua maschera di puntamento laser che lei ruba prima di fuggire nel bosco.

Naru attira poi il Predator in una palude piena di fango prima di usare la maschera del cacciatore alieno contro la creatura stessa. A quel punto, il Predator muore per le ferite riportate e la ragazza  può tagliargli la testa e dipingersi il viso con il suo sangue verde brillante. Ha finalmente completato quella che riteneva la prova con cui dimostrare il suo valore di guerriera. Può così tornare dalla sua tribù, sfoggiando come premio la testa del Predator.

Prey film finale scene post credits
Foto di David Bukach/ HULU – © 2022 20th Century Studios. All Rights Reserved.

La scena post-credits anticipa un sequel di Prey?

Durante l’inizio dei titoli di coda, gli eventi del film vengono riassunti in una serie di pitture rupestri che si concludono con la rappresentazione di tre vascelli Predator che scendono verso la tribù. Non è chiaro se si tratta di un qualcosa che deve ancora avvenire o che è già avvenuto e di cui è stata riportata testimonianza tramite la pittura. Di certo, tale dettaglio apre ad un sequel e nell’ottobre 2023, Trachtenberg ha confermato l’interesse dello studio a continuare il franchise e che un sequel è attualmente in fase di sviluppo.

Ci sono easter eggs sulla saga di Predator?

Pur essendo ambientato in un tempo diverso e sembrando del tutto scollegato rispetto agli altri capitoli della saga (salvo la presenza degli alieni del titolo), in Prey sono presenti due grandi riferimenti ai precedenti film di Predator. Il primo è un riferimento a una delle famose battute di Arnold Schwarzenegger del primo film, quando la stessa battuta viene pronunciata da Taabe: “Se sanguina, possiamo ucciderlo“.

L’altro grande riferimento è invece a Predator 2. Si tratta della pistola avancarica a pietra focaia del 1715 in possesso di Naru che riporta la stessa iscrizione presente sull’arma che Danny Glover riceve dai Predator come segno di rispetto per la sua vittoria in quel film. Questo significa che a un certo punto i Predator devono essere tornati sulla Terra e hanno preso quella pistola, quindi… un divertente easter egg? Certo. Brutte notizie per Naru e la sua tribù? Decisamente.

Il trailer di Prey e dove vederlo in streaming e in TV

È possibile fruire di Prey grazie alla sua presenza su una delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Disney+. Per vederlo, basterà sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e ad un’ottima qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di mercoledì 12 giugno alle ore 21:20 sul canale Rai 4.

LEGGI ANCHE:

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Resurrected spiegazione finale

Resurrected: la spiegazione del finale del film horror

Una tipologia di opere tanto recente quanto apprezzata è quella del screenlife film (o first person shot), in cui lo schermo cinematografico diventa lo...
- Pubblicità -