the shape of water

Dopo Pacific Rim (2013) e Crimson Peak (2015), due film molto importanti, ma per ovvie ragioni produttive non completamente sinceri, Guillermo Del Toro torna a dedicarsi con grinta e infinita passione a un progetto molto intimo e personale, sfornando The Shape of Water, un meraviglioso oggetto cinematografico dalla forma tanto potente quanto impalpabile, fatto della stessa essenza dell’acqua, intriso di poesia e trasudante amore per il cinema, per le fiabe e per le immagini.

 
 

The Shape of Water come La Bella e la Bestia

La storia narrata è un B&B, ovvero l’ennesima (ma riuscitissima) rivisitazione della fiaba della Bella e la Bestia, un inno alla diversità e all’orgoglio di essere diversi, rompendo a tutti i costi schemi e pregiudizi. La bestia in questione è una creatura anfibia metà uomo e metà pesce, simile per molti aspetti a quella de Il Mostro della laguna Nera (1954), mentre la bella è una timida e muta addetta alle pulizie di un centro governativo dove si effettuano studi scientifici ed esperimenti strambi, durante il periodo della Guerra Fredda.

Nel film si affronta il tema della diversità sotto ogni sfaccettatura, dalla mostruosità alla differenza di genere, dall’omosessualità al razzismo, dal classismo al bullismo. Tutto questo con una leggerezza naturale inusuale, con un tocco felice che non fa mai sentire la forzatura dello sfiorare tematiche così delicate. Ma è soprattutto una storia d’amore, una grande storia d’amore, che commuove, fa riflettere e soprattutto ricorda che l’amore può sormontare e far crollare qualsiasi barriera, fisica o mentale che questa possa essere. A tratti si avvertono anche gli echi lontani, ma sempre attuali del Romeo e Giulietta di Shakespeare.

Del Toro, proprio a proposito dell’amore afferma: “Le favole sono nate in tempi difficili e complessi, quando la speranza sembrava perduta. Ho realizzato The Shape of Water come antidoto al cinismo. Personalmente ritengo che quando parliamo di amore – quando crediamo nell’amore – lo facciamo in modo disperato. Temiamo di apparire ingenui e perfino falsi. Ma l’Amore è reale, assolutamente reale; e, come l’acqua, è la forza più gentile e più potente dell’Universo. È libero e senza forma fino a quando non fluisce nel soggetto al quale è destinato, fino a quando non lo si lascia entrare. I nostri occhi sono ciechi, ma lo stesso non si può dire della nostra anima. Riconosce l’amore in qualsiasi forma arrivi a noi”.

L’esplorazione del sesso

E insieme all’amore in The Shape of Water entra di prepotenza anche il sesso, troppe volte dimenticato o volutamente rimosso dai mercanti di fotogrammi per la paura di togliere poesia, sentimento, per il terrore smodato di andare ad infrangere quelle regole bigotte imposte da chissà chi. E invece il bisogno di contatto fisico, di vivere liberamente senza pregiudizi la propria sessualità diventa un elemento fondamentale della storia, facendo apparire i protagonisti incredibilmente vivi e quindi credibili. I corpi si spogliano, si toccano, cercano piacere e non importa se si tratti della pelle pallida di una giovane donna, delle umide squame di un pesce o del corpo che invecchia di un uomo ormai solo. Il corpo, il sesso, la riproduzione, l’anatomia, l’invecchiamento, il disfacimento, la decomposizione, sono i tanti tasselli di cui si compone questo delicato racconto.

The Shape of Water è il decimo lungometraggio del regista messicano e si inserisce tra quelli che maggiormente lo caratterizzano come uno degli autori visionari più importanti dei nostri tempi, con uno stile e una poetica così riconoscibili da riuscire ad imporli anche a livello commerciale.

Tra Tim Burton e Terry Gilliam

La cosa che più stupisce di Del Toro è che, estremamente consapevole delle sue pulsioni e istanze espressive, riesce a domarle, a tenerle addomesticate, riuscendo a narrare con stile disinvolto, senza mai eccedere o cadere nell’auto-manierismo, come purtroppo avviene per il buon caro vecchio Tim Burton, al quale, per ovvie ragioni non è possibile evitare di accostarlo. Ed è gustosissimo cogliere una stoccatina, o forse un avvertimento, o semplicemente solo un consiglio al suo macabro collega. Questo avviene nella parte iniziale del film, dove uno dei personaggi, commentando un incendio alla vicina fabbrica di cioccolato dice più o meno così: “E’ un disastro, ma l’odore del cioccolato bruciato e pur sempre meraviglioso”. E del Toro sembra anche rimanere immune dagli eccessi scriteriati incontrollabili che affliggono un altro suo collega di affabulazioni visionarie, Terry Gilliam.

The Shape of Water è un progetto relativamente economico per gli standard a cui è abituato Guillermo Del Toro sia come regista che come produttore. Infatti è costato solamente (si fa per dire)  19 milioni di dollari, grazie anche alla rinuncia a grossa parte del suo compenso, in modo da convincere la Fox Searchlight a sostenerlo nell’impresa. La pellicola si pone quasi come completamento di quella trilogia composta da La Spina del Diavolo (2001) e Il Labirinto del Fauno (2006), per la quale era prevista una naturale terza parte, ma poi mai realizzata. E al tempo stesso si nutre di elementi creati per i due capitoli di HellBoy (2004 – 2008), tanto come atmosfera, che come personaggi e creature. Si avvertono anche innumerevoli omaggi al cinema, dai mostri della Universal, ai film della Hammer, dai musical degli anni cinquanta alle pellicole di fantascienza e i B-movie.

E si coglie anche un affettuoso omaggio all’Amelie Poulain di Jean Pierre Jeunet, a cominciare dalla protagonista Elisa, interpretata da una bellissima, bravissima e sensuale Sally Hawkins, passando per la caratterizzazione del suo vecchio amico illustratore, che ricorda inequivocabilmente il pittore con le ossa di vetro del film francese.  Anche le scenografie di molti ambienti, il gusto visivo di alcune scene, i colori e la fotografia rimandano la memoria indietro nel tempo a quel film. Ma sono piccoli riferimenti, omaggi voluti e sentiti, perché la potenza espressiva e l’originalità di Guillermo del Toro sono assolutamente meravigliose e fuori discussione.