downton abbey
di Luigi De Pompeis

Jim Carter e Michelle Dockery, insieme ad Imelda Staunton, sono stati i protagonisti del primo sabato di Festa del Cinema di Roma 2019, dove hanno portato Downton Abbey – Il Film. Gli attori, che nella famosa e amata serie hanno interpretato il maggiordomo Carson e Lady Mary Crawley, poi Talbot, sono stati accolti dai fan con grande calore, dopo la proiezione del film per la stampa.

In merito al ritorno nei personaggi di Carson e Lady Mary, Jim Carter e Michelle Dockery sono stati concordi nel dire che è stato come ritrovare dei vecchi amici: “Tornare dopo tre anni a Carson è stato emozionante ma anche come tornare a casa, visto che per girare una stagione ci impiegavamo sei mesi, e io rimanevo tutto questo tempo con il personaggio. Sapevamo tutti quello che dovevamo fare, ed è stata come una grande rimpatriata, come tornare a un momento molto felice per molti di noi, il successo ha giocato un ruolo importante, voi (ai fan) siete stati molto generosi. E tornare e constatare l’accoglienza che è stata riservata al film, è stato meraviglioso”.

“Ormai siamo una grande famiglia, è stata come una rimpatriata – osserva Michelle Dockery – ti sembra che non ti sia mai lasciato indietro queste persone. E ripetere l’esperienza per il grande schermo mi ha fatto sentire privilegiata. La reazione del pubblico e della critica è stata calorosa, per noi.”

“È come a teatro – interviene Carter – in cui si lavora con la stessa compagnia per un certo tempo e si creano dei vincoli e dei rapporti. Era la versione televisiva, e ora cinematografica, di una grande compagnia teatrale. C’erano grande scene di gruppo, e tutti, da Sophie (la cameriera Daisy, ndr) e Maggie Smith (Lady Violet, ndr), abbiamo stretto amicizia. Questo nella tv non sempre si verifica.”

Imelda Staunton, che nella vita reale è sposata con Jim Carter, ha sempre visto lo show da vicino, tuttavia adesso ha avuto la possibilità di entrare nella storia con un personaggio legato ai Crawley. “Per me è stato un’enorme sorpresa essere invitata a partecipare. Sapevo della serie per il mio rapporto personale con Jim, ma è stato un piacere avere una linea narrativa così importante. Ho lavorato con persone che conoscevo e con cui avevo già lavorato, e questa è stata la ciliegina sulla torta. È stata una bella sensazione uscire ed andare a lavorare con mio marito, per tre giorni.”

La storia è stata costruita cercando di coniugare l’esigenza di far “tornare a casa i fan” ma anche quella di spettacolarizzazione, così la visita reale e lo sfarzo che si sarebbe portata dietro sembravano la strada giusta da intraprendere. Questo ha richiesto uno sforzo produttivo mai affrontato prima, con la crew che si è avvalsa anche di un uomo che aveva lavorato a Buckingham Palace come consulente.

“Credo che in un mondo in cui i politici e la classe dirigente spesso manchi di dignità, è bello fuggire in un mondo, quello di Downton Abbey, in cui gli uomini di potere sono anche uomini di principio.” Ha concluso Jim Carson.

Downton Abbey arriverà al cinema il prossimo 24 ottobre, distribuito da Universal Pictures.