Ash Is Purest White I figli del fiume giallo

A tre anni da Al di là delle montagne, Jia Zhang-Ke torna nel concorso di Cannes, edizione 2018, con Ash Is Purest White, una specie di epopea intima attraverso la Cina degli ultimi 20 anni.

La storia segue la donna di un malvivente che, per amore del suo uomo, sconta cinque anni di prigione al suo posto. Uscita aspettandosi di trovarlo fuori ai cancelli, a braccia aperte, la donna scopre che lui non l’ha affatto aspettata e si mette alla sua ricerca. Da questo punto la storia si snoda in diverse fotografie di momenti ed eventi, che si dilatano nel tempo e che vedono i due incrociarsi più volte.

Mentre su di lei gli anni sembrano trascorrere senza lasciare traccia, lui li subisce nello spirito e nel corpo, diventando alla fine completamente dipendente dalle cure di lei. Il racconto è ambientato nel circolo della jianghu, ovvero quella linea di confine che calca chi opera nella microcriminalità. Il percorso dei due personaggi è speculare e segue l’ascesa della donna così come la caduta dell’uomo. Lei riesce, con la caparbietà tipica del suo sesso, a sopravvivere e a rimanere in piedi, nonostatne l’umiliazione inflittale dall’uomo che una volta amava.

Il confronto trai due rasenta il comico con la donna che si sforza di mantenere il suo contegno e lui che invece appare impotente e muto, di fronte all’incrollabile durezza di quella donna che per lui ha scontato la pena in prigione.

Nonostante l’appartenenza sociale specifica dei personaggi di Jia Zhang-Ke, il regista sembra più interessato allo sviluppo che il Paese ha attraversato dal 2001 al 2018, arco temporale durante cui si svolge la storia.

Nell’affrontare un arco narrativo esteso nel tempo, il regista si lascia andare a lungaggini che annacquano la storia principale, introducendo personaggi superflui, senza riuscire a dare densità al racconto. L’occhio resta sempre lucido e attento ma le forbici, in sala di montaggio, avrebbero potuto lavorare di più.

 
RASSEGNA PANORAMICA
Chiara Guida
Articolo precedenteCannes 2018: Christopher Nolan sale in cattedra
Articolo successivoCannes 2018: Les Filles du Soleil, recensione del film di Eva Husson
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.