Il principe cerca figlio trailer

Disponibile dal 5 Marzo su Amazon Prime Video, Il principe cerca figlio, sequel del film cult del 1988, riporta in scena Eddie Murphy nell’iconico ruolo del principe Akeem, e gran parte del cast originale, senza tuttavia poter competere con la favola originale.

Il ritorno del principe Akeem negli Stati Uniti alla ricerca del suo erede al trono

Sono passati 33 anni dall’uscita de Il principe cerca moglie di John Landis, il film che vedeva protagonista uno dei comici più apprezzati dell’epoca, Eddie Murphy, e che alla sua uscita sbancò il botteghino incassando quasi 300 milioni di dollari in tutto il mondo. Eddie Murphy torna a indossare i panni di re Akeem in questo secondo capitolo diretto da Craig Brewer e scritto da Kenya Barris, su un soggetto di Barry Blaustein e David Sheffield, già sceneggiatori del film originale.

Il principe cerca figlio ci riporta a Zamunda

Il principe cerca figlio ci riporta nel regno di Zamunda, dove Akeem è da poco diventato re. Sposato con Lisa, la donna conosciuta nel Queens nel primo capitolo, ha tre splendide figlie femmine, eppure nessun erede maschio al trono. La corona rischia quindi di cadere nelle mani del generale Izzi di Nexdoria. Questi, ancora infuriato per la cancellazione del matrimonio tra Akeem e sua sorella Imani trent’anni prima, propone un matrimonio combinato, minacciando una guerra tra famiglie in caso di responso negativo. In punto di morte, però, il re rivela ad Akeem che ha un figlio illegittimo nel Queens, Lavelle Junson (Jermaine Fowler), concepito con una donna conosciuta all’inizio della sua avventura americana. Akeem e il fidato confidente Semmi (l’impareggiabile Arsenio Hall) fanno quindi ritorno nel distretto newyorchese dove tutto ebbe origine, alla ricerca di Lavelle. Trapiantato a Zamunda, il giovane principe metropolitano dovrà imparare ad adeguarsi agli standard del regno.

Un sequel che non riesce a sostenere l’eredità del primo film

Il principe cerca figlioNel primo film Akeem subiva una metamorfosi, scappava da Zamunda per fuggire alla legislazione ferrea e retrograda del regno. Qui ritroviamo invece un Akeem conservatore, chiuso nella mentalità da cui lui stesso aveva cercato di discostarsi. La trama forzata e ripetitiva de Il principe cerca figlio va quindi a snaturare l’happy ending del primo film, che avrebbe potuto fornire soluzioni narrative più interessanti. La redenzione finale di Akeem non è abbastanza per sostenere l’eredità del primo film, proprio perché l’impianto narrativo si dimostra fallace fin dall’inizio.

I nuovi personaggi in Il principe cerca figlio, guidati dal nuovo principe Lavelle, mancano di caratterizzazione e di spessore, nonostante l’idea di un intreccio amoroso con una ragazza umile e quindi il messaggio di giustizia di un matrimonio basato su un amore autentico, avrebbe potuto avere potenzialità, oscurate qui però da stereotipi ormai anacronistici. Mancano uno sguardo e uno humor più scanzonato ma al contempo spregiudicato nei confronti dell’epoca in cui viviamo. La pellicola consta infatti di sketch banali e poco interessanti; i personaggi secondari (Wesley Snipes che interpreta il generale Izzi e la madre di Lavelle, interpretata da Leslie Jones) risultano poco brillanti, nonostante i loro interpreti. Una sottotrama potenzialmente interessante avrebbe potuto essere quella del conflitto di genere che si crea tra i figli del principe per la successione. Le figlie sono infatti dipinte come figure femminili forti, la cui caratterizzazione è tuttavia poco approfondita e quindi il tentativo di generare tensione tra principe e principesse si perde in un percorso narrativo privo di veri e propri conflitti.

Landis portava alla luce l’America delle caricature attraverso il suo humor ambiguo; il suo film si mostrava ardito, in cui la comicità derivava direttamente dal contesto in cui Akeem si trovava, la Grande Mela, città della quale si mettevano in luce le contraddizioni e le assurdità. La New York di fine Ottanta, per quanto rielaborata, è stata terreno di gioco fertile per Landis; al contrario, la cornice filmica del regno africano non sfrutta appieno le proprie potenzialità visive e narrative, non approfondendo il tema della riappropriazione delle proprie origini. La storia di Landis verteva su un personaggio ricco che va tra i poveri, ironizzando sulla vita nel Queens, sulle comunità afroamericane e il loro desiderio di ascesa sociale tra i bianchi, ostacolato da radici diverse. Si proponeva come un film audace, in cui ad essere comico era il contesto in cui si muoveva il principe Akeem.

Effetto nostalgia tra messa in scena e gag poco riuscite

Cosa abbiamo oltre a supereroi, sequel, remake, che nessuno voleva?”: con questa battuta pronunciata dal principe Lavelle in merito al cinema hollywoodiano dei nostri giorni, viene da chiedersi se, effettivamente, questo sequel fosse necessario. Indubbiamente ci troviamo di fronte a una pellicola che non ha bisogno di troppa pubblicità per riunire il pubblico davanti allo schermo e che si presenta come una grande riunione familiare, per poter riabbracciare tutti i personaggi che hanno fatto divertire il pubblico, con lo spirito e il coinvolgimento di un’epoca passata. È un sequel che si attacca alla nostalgia, riproponendo anche direttamente alcune immagini del primo capitolo, per poi calpestarle nel tentativo incessante di riproporre una storia simile. Si gioca coi ricordi dello spettatore ma senza una trama solida. L’aspetto che manda avanti il progetto è senza dubbio la curiosità del pubblico affezionato all’istrionico Eddie Murphy e alla storia nata dalla mente di Landis.

Punto di forza de Il principe cerca figlio sono i costumi e le scenografie, che trovano il loro momento di massimo splendore nei vivacissimi numeri musicali. Abbondano le feste, le danze, senza che però vengano raccontate con uno sguardo moderno che possa dare una chiave di lettura contemporanea a quelle situazioni. E in queste scene di festa troviamo una serie di ospiti d’eccezione, celebrità chiamate ad intrattenere anche il pubblico a casa: Morgan Freeman, Gladys Knight, Le En Vogue e le Salt-N-Pepa fanno la loro comparsa sullo schermo nell’arco di cinque minuti. Tuttavia le gag non sono inserite con fluidità nel racconto e viene meno anche il montaggio che riusciva a dare il ritmo giusto e vincente al piccolo cult di Landis.

Il principe cerca figlio ha più il sapore di reunion nostalgica che di vera e propria sfida a ri-raccontare, a 33 anni di distanza dei personaggi cresciuti nel tempo, in una società cambiata, in cui sono i cameo, piuttosto che le soluzioni narrative, a generare un effetto sorpresa.