L’uomo dal cuore di ferro

L’uomo dal cuore di ferro è il titolo del racconto biografico che parla dell’ascesa politica e della morte di Reinhard Heydrich, il gerarca nazista principale fautore della “soluzione finale”, la sistematizzazione dello sterminio degli ebrei durante il regime di Hitler. Il film, diretto dal regista Cedric Jimenez, è basato sul romanzo HHhH di Laurent Binet che racconta un episodio della storia della Seconda Guerra Mondiale non troppo noto.

Sviluppandosi nell’intero corso dell’ascesa politica di Heydrich, il film culmina nell’attentato ai suoi danni da parte di partigiani cecoslovacchi. L’attentato riuscì, dal momento che Heydrich perse la vita a causa delle ferite riportate durante l’esplosione della sua automobile, e l’attentato fu l’unico riuscito ai danni di ufficiali e gerarchi SS nel corso della Guerra. La sua morte sancì l’inizio di grandi disordini che contribuirono allo sgretolamento del terzo Reich.

Jimenez racconta la storia da due punti di vista differenti, separando nettamente il punto di vista di Heydrich e di sua moglie, l’algida Lina, e quello invece che si offre sui partigiani che organizzarono l’attacco. Il film è spaccato lungo una linea che lo divide precisamente a metà e solo dalla seconda parte in poi incontreremo i coraggiosi che si sacrificarono per eliminare il terribile gerarca.

La parte che sembra funzionare di più, in un film tutto traballante e con pochissima personalità, è quella dedicata all’ascesa di Heydrich: coinvolto in alcuni scandali ed allontanato dall’esercito, l’uomo venne rimesso in senso da Lina, che poi divenne sua moglie. La donna lo introdusse all’ideologia nazista e lo presentò ai vertici delle SS, presso i quali lui si fece notare subito per l’approccio pratico e lo spirito risoluto, nonché per il “cuore di ferro”. Fu lui a guidare alcune delle più grandi repressioni a danno dei dissidenti del regime, tanto che nel 1941 venne nominato da Adolf Hitler governatore del Protettorato di Boemia e Moravia, dove mise in atto sanguinosi “rimedi” per annientare la resistenza anti-tedesca. Fu lui la mente principale dietro la stesora del piano che portò alla soluzione finale.

Questo aspetto pubblico e politico estremamente funzionale viene messo a confronto con la vita privata di Reinhard, che diventa man mano più arido. Innamorato e devoto alla moglie, padre premuroso e amante della musica, l’uomo di estranea sempre di più dagli affetti familiari per dedicarsi al lavoro, assecondando la sua ambizione.

A interpretarlo c’è Jason Clarke, che troppo spesso non viene abbastanza messo in luce per il suo talento. L’attore dalla grande personalità e l’ottima presenza scenica si sacrifica in una storia senza troppa personalità, al fianco di Rosamund Pike. Entrambi sono molto adatti ai ruoli a loro affidati ma entrambi sembrano uno spreco di talento in un film sembra una fredda cronistoria di un fatto storico poco noto.

Trattamento peggiore viene riservato agli attori che interpretano i due partigiani autori dell’attentato. Jack Reynor e Jack O’Connell, che compaiono a metà film, portano avanti lo stereotipo dell’uomo che lotta per la libertà, senza che la scrittura o la regia dimostrino il benché minimo guizzo di dignità per coloro che hanno davvero portato a compimento un attentato suicida.

L’uomo dal cuore di ferro è il racconto, senza nessun tipo di ambizione, di un fatto storico poco conosciuto, che può avere esclusivamente un valore informativo, non certo qualche velleità artistica.