L'ultimo samurai

L’ultimo samurai è un film del 2003, diretto da Edward Zwick, che ha reso onore, ancora una volta, alle tradizioni e ai valori dei samurai, un mondo che ormai non esiste più (anche i codici morali sono sopravvissuti nella società giapponese moderna).

Candidato a ben quattro Premi Oscar (tra cui quello del Miglior Attore non Protagonista a Ken Watanabe) e a tre Golden Globe, il film racconta in maniera mediata e romanzata la Ribellione di Satsuma e la guerra Boshin. Ecco quello che non sapevate su L’ultimo samurai.

L’ultimo samurai: Streaming

L'ultimo samurai

Chi desiderasse rivedere il film L’ultimo samurai in streaming, film diretto da Edward Zwick con Tom Cruise, oppure volesse cimentarsi per una prima visione, è possibile farlo grazie alle diverse piattaforme di streaming digitali che rendono possibile la visione di questo titolo. Nella fattispecie, L’ultimo samurai è visibile su Infinity, Premium Play, Chili, Rakuten Tv, Google Play, iTunes e Tim Vision.

Ultimo Samurai

L’ultimo Samurai è un film diretto da Edward Zwick (Vento di Passioni, Blood Diamond – Diamanti di sangue, Amori & altri rimedi) ambientato nel Giappone che ha vissuto la Ribellione di Satsuma e che vede, tra i protagonisti, Tom Cruise, Ken Watanabe, Shin Koyamada e Tony Goldwin. Uscito in Italia il 9 gennaio del 2014, L’ultimo samurai racconta la storia di un ex capitano dell’esercito americano, tale Nathan Algren (Tom Cruise) che, nel 1876, viene chiamato ed incaricato di addestrare l’esercito dell’imperatore giapponese Meiji.

Lo scopo è solo uno: eliminare in maniera definitiva i samurai ribelli all’impero. Algren è sostanzialmente un uomo alla deriva che ha rischiato la vita per essere fedele al suo paese che è cambiato di molto dagli anni della guerra civile. L’incarico da parte dell’Impero giapponese per lui non è che un modo per fuggire dai ricordi che lo attanagliano, dalla disillusione, dalle angosce, oltre che essere una via “facile” per fare soldi.

Eppure, dopo essere arrivato in Giappone e aver capito ciò che succede davvero, riuscirà a concepire la filosofia, lo stile di vita e la cultura millenaria dei samurai, che a loro volta rimangono sorpresi ed incantati dalla tenacia di Algren. Il comandante un tempo avversario ed ora suo mentore, Katsumoto (Ken Watanabe),è incuriosito dalla cultura esistente al di fuori della sua e così lo sono gli altri samurai ribelli che cominceranno a trattare il capitano Algren come un loro pari, senza perdere di vista il loro obiettivo: difendere le tradizioni, i valori e i codici dal quel progresso ne minaccia l’esistenza.

L’ultimo samurai si basa, in essere su una storia vera, quella di Jules Brunet, un capitano ed istruttore d’artiglieria che sottostava agli ordini di Napoleone III, inviato in Giappone per insegnare le tattiche innovative militari: una volta arrivato nel paese del Sol Levante, sposa la causa ribelle, dopo essererimasto invischiato nella guerra Boshin.

Film Samurai

L'ultimo samurai

Nel corso della storia del cinema mondiale, di film samurai ne sono stati realizzati a iosa, per la maggior parte appartenenti alle cinematografia giapponese. Tra i primi film che trattano la storia di questi militari del Giappone feudale, totalmente fedeli alla trazioni, che fanno della guerra un’arte e facenti parte di una casta colta, c’è sicuramente uno dei capolavori di Akira Kurosawa, I sette Samurai, girato nel 1954, cioè 4 anni dopo il successo di Rashomon (film che racconta la storia di un samurai ucciso tramite diverse testimonianze e diversi punti di vista).

Il film, che vede la presenza di Toshirō Mifune, è ambientato nell’Era Sengoku e narra la storia di un villaggio abitato da contadini che assume dei Rōnin (cioè i samurai rimasti senza padrone, dei guerrieri erranti) per potersi difendere dai saccheggi quotidiani di un gruppo di briganti. Ma Kurosawa, nel 1961, girò un altro film sui samurai, La sfida del samurai (sempre con Mifune) che racconta la storia un rōnin che arriva in una città divisa da due bande di criminali e che decide di metterle una contro l’altra per liberare la città.

The Last Samurai

The Last Samurai, titolo in lingua originale de L’ultimo samurai, non si riferisce solo al film del 2003 con Tom Cruise. Infatti, questo titolo è stato utilizzato molte volte per realizzare film diversi ma sempre concernenti al mondo dei samurai.

Se L’ultimo samurai è stato l’ultimo film a narrare tradizioni e valori di questo mondo, in precedenza ne furono realizzati altri: andando a cronologicamente a ritroso, nel 1988 venne realizzato un film, The Last Samurai, diretto da Paul Mayersberg. Anche se la data di produzione è risalente al 1988, in realtà il poi uscì negli Stati Uniti solo all’inizio del 1997, dopo due premiere svoltesi negli anni precedenti in Germania e sempre negli Usa.

Il film racconta la storia di due uomini d’affari giapponesi in cerca di una realizzazione spirituale che, seguendo le orme di un antenato samurai, arrivano fino in Africa con un gruppo di turisti, per essere poi rapiti dal leader della guerriglia locale e sarà un duro mercenario a doverli salvare.

Andando ancora indietro, si arriva al 1974, quando venne realizzato Okami yo Rakujitsu o kire, un film di Kenji Misumi, uscito negli Usa tre anni dopo con il titolo di The Last Samurai. Il racconta la storia di Toranosuke Sugi, un coraggioso e leale samurai, che combatte per praticare e preservare gli insegnamenti del suo maestro durante una guerra civile. Ma Sugi ha amici da entrambe le fazioni e non saprà se cadere nella tentazione o evitare di farlo per i suoi princìpi e per la libertà.

Film sui Samurai

L'ultimo samurai

Oltre ai primi film sui samurai, nel corso negli anni, vennero realizzati molte pellicole interessanti, come Il trono di sangue (1957, regia di Kurosawa), L’ultimo samurai (1967, regia di Masaki Kobayashi), Kagemusha – L’ombra del guerriero (1980, regia di Kurosawa), e Il crepuscolo del samurai (2002, regia di Yôji Yamada).

Ma si ricordano anche titoli come Zatôichi di Takeshi Kitano del 2003, 13 assassini di Takashi Miike del 2010 e 47 Ronin di Carl Rinsch, con Keanu Reeves, del 2013. Uno dei fatti interessanti, che riguardano la realizzazione di film sui samurai, è avvenuto con l’animazione: infatti, tra il 2001 e il 2004 è stata realizzata una serie tv intitolata Samurai Jack: la serie animata statunitense, che ha avuto immediato successo tra le giovani generazioni, ha avuto un revival nel 2017 con una quinta stagione.

Katsumoto

L'ultimo samurai

Nel film L’ultimo samurai, che riprende ed unifica, in forma romanzata due eventi storici giapponesi, la guerra Boshin e la Ribellione di Satsuma, compare il personaggio di Katsumoto, interpretato in maniera magistrale da Ken Watanabe (che venne candidato all’Oscar).

Katsumoto è un personaggio che si rifà al militare giapponese Saigō Takamori, samurai del feudo di Satsuma che trovò la morte nella battaglia di Shiroyama. Takamori incarnò la crisi d’identità della sua nazione, divisa tra l’accoglienza del modernismo e la difesa degli antichi valori samurai: Takamori guidò i samurai, come il Katsumoto nel film del 2003, cercando di combattere quel modernismo che si faceva ormai incombente, tentando di essere federe e di difendere fino all’ultimo tradizioni e valori di un mondo, quello samurai, che correva il rischio di scomparire, diventando uno dei grandi eroi nazionali del Giappone.

Fonti: IMDb, nationalgeographic