silent night recensione

Salutiamo con entusiasmo il ritorno in sala di un maestro come John Woo, regista che negli anni ha regalato al pubblico emozioni e divertimento e che oggi torna con un film dei suoi. Al cinema dal 30 novembre – distribuito da Plaion Pictures – il suo ultimo Silent Night – Il silenzio della vendetta mette ben in chiaro, sin dal titolo, cosa aspettarsi, anche se non del tutto. Ché con il folle artigiano dell’action di A Better Tomorrow e The Killer, Face/Off, Broken Arrow e Mission: Impossible II c’è poco da fidarsi. E infatti, anche in questo caso, il revenge Movie dominato da un Joel Kinnaman ammutolito supera la tradizione i canoni del genere per andare all’essenziale in una operazione coraggiosa e interessante, anche se non del tutto riuscita, che i fan apprezzeranno sicuramente.

 

La trama di Silent Night – Il silenzio della vendetta

Al centro della vicenda, come in molti film del genere, un padre di famiglia, che durante una sparatoria tra bande vede ucciso davanti ai suoi occhi il piccolo figlio. Un colpo insostenibile, che lo fa impazzire e che lo spinge all’inseguimento dei responsabili. Pur ferito mortalmente alla gola e costretto al silenzio, l’uomo si riprende e, deciso a vendicarsi, inizia un duro addestramento per prepararsi per un confronto finale che possa rendergli giustizia dopo un anno di sofferenza… la sera della vigilia di Natale.

Natale di sangue

La prima reazione alla visione di questo Silent Night potrebbe esser simile al morettiano “Vago per la città cercando di ricordarmi chi aveva parlato bene di questo film“, ma sono molte le domande che il film di John Woo lascia nello spettatore, anche il meglio disposto nei suoi confronti, anche il più conquistato da un inizio davvero intrigante e spettacolare. Nel quale è difficile non restare ipnotizzati dal primo piano della renna (sonaglio incluso) sul maglione insanguinato indossato dal protagonista e trattenere il respiro per la sua folle corsa, prima ancora di scoprirne le ragioni.

Curiosità rapidamente soddisfatte, almeno queste, prima di essere gettati in un’esperienza senz’altro unica, per quanto prevedibile. Dopo tanti revenge movie, facile intuire l’origine del male e la destinazione che attende noi e l’innominato vendicatore (del quale scopriremo solo il cognome, su una lapide), meno il percorso. Nel quale racconto ed equilibrio sembrano esser stati sacrificati sull’altare della partecipazione, emotiva o meno, sicuramente obbligata.

silent night filmJoel, giustiziere silenzioso

Woo sceglie di non infarcire l’azione di inutili chiacchiere, anzi, di eliminarle del tutto, affidando all’ex Robocop un ruolo per prepararsi al quale l’attore ha cercato – invano – di non parlare per due mesi di riprese. Una scelta coraggiosa, quella di abbandonare ogni dialogo (o quasi), fedele alla tendenza del regista di ridurre all’essenziale le dinamiche messe in scena, che si rivela la trovata più interessante del film, nel quale la scansione del tempo e delle emozioni è affidata ai suoni, con il battito del cuore e le reazioni del protagonista a costruire una storia parallela a quella che vediamo svilupparsi sullo schermo, a farci vivere il suo dramma dall’interno.

Peccato, semmai, che la soluzione trovata – insistita oltre il prevedibile, con pro e contro immaginabili – non porti con sé una altrettanto netta semplificazione di esclamazioni al limite del ridicolo (forse figlie del doppiaggio?), retorica e didascalismi (dal braccio martoriato dalla droga della povera ragazza della gang agli stralci degli articoli di cronaca che lo riguardano o lo smielato finale). Elementi non inediti per Woo, che un certo gusto per certa ‘chiarezza’ a tutti i costi l’ha sempre avuto, ma che qui diventano superflui e fiaccano uno svolgimento già in difficoltà per la mancanza strutturale di narrativa nel quale a scene notevoli e ammiccamenti tanto cari ai produttori (gli stessi di John Wick) si alternano twist insensati e inutili ridondanze.

- Pubblicità -