Un Boss in Salotto resiste in testa al box office, seguito dall’ottimo debutto de Il Capitale Umano e dal boom di Peppa Pig in appena due giorni. Flop per Stallone e De Niro. Dopo il debutto in vetta al box office del weekend dell’Epifania, Un Boss in Salotto rimane in testa al botteghino italiano con un ottimo risultato, beneficiando di un buon successo di pubblico. La commedia con Rocco Papaleo incassa 2,1 milioni di euro alla sua seconda settimana, giungendo a ben 9,2 milioni in appena dodici giorni.

 
 

A ottenere la migliore media per sala è tuttavia un’altra pellicola italiana. Infatti Il Capitale Umano di Paolo Virzì apre in seconda posizione con 1,6 milioni incassati in 360 sale, registrando una media di ben 4600 euro. Ma il fenomeno del fine settimana è Peppa Pig – Vacanze e altre storie, che debutta al terzo posto con 1,3 milioni raccolti in soli due giorni di programmazione. Dopo la tv, la maialina inglese ha riscosso successo sul grande schermo nelle sole giornate di sabato e domenica, con una media di 3200 euro.

The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca recupera una posizione, incassando 1 milione per  un globale di 3 milioni. Altra new entry a entrare nella top10 è Sapore di te di Vanzina, che non va oltre 991.000 euro di incasso. Seguono due pellicole in calo, ossia Frozen – Il Regno di Ghiaccio che, fresco vincitore del Golden Globe, raccoglie altri 953.000 euro e arriva a ben 17,7 milioni complessivi, mentre Capitan Harlock 3D giunge a quota 4,3 milioni con altri 850.000 euro.

American Hustle – L’apparenza inganna precipita all’ottavo posto con altri 839.000 euro per 3,2 milioni totali. Dopo il trionfo di ieri sera ai Golden Globe, probabilmente il film di David O. Russell sfrutterà il lancio derivante dai premi conquistati. Flop per Il Grande Match che, nonostante la promozione romana con i miti Sylvester Stallone e Robert De Niro, non va oltre il debutto in nona posizione con 655.000 euro, registrando una media inferiore ai duemila euro per sala. Chiude la top10 un’altra novità, Disconnect, che si limita a 473.000 euro incassati in circa 150 copie.