joker

I familiari e gli amici delle vittime della sparatoria di massa del 2012 durante proiezione de Il Cavaliere Oscuro – il Ritorno ad Aurora, in Colorado, stanno esprimendo preoccupazione per l’imminente uscita di Joker, film adattamento dai fumetti che ha suscitato polemiche per il suo violento argomento.

In una lettera all’amministratore delegato della Warner Bros. Ann Sarnoff, le famiglie e gli amici sollecitano la compagnia a unirsi a marchi del calibro di Walmart e CVS per sostenere la sicurezza sulle armi.

La lettera è stata firmata da Sandy e Lonnie Phillips, una coppia la cui figlia di 24 anni, Jessica Ghawi, è stata assassinata; Theresa Hoover, la madre del diciottenne Alexander J. Boik, rimasto ucciso; Heather Dearman, la cui cugina Ashley Moser, perse un bambino non ancora nato e una figlia di 6 anni durante l’attacco; e Tiina Coon, il cui figlio è stato testimone delle sparatorie.

Invece di chiedere un boicottaggio o un divieto, le famiglie e gli amici delle vittime chiedono alla Warner Bros. di porre fine ai contributi politici ai candidati che prendono denaro dall’NRA e votano contro la riforma delle armi; di usare il suo peso politico per fare pressione sui leader del Congresso per la riforma delle armi; di finanziare fondi per sopravvissuti e programmi di intervento contro la violenza armata.

“Poiché il governo federale non è riuscito a approvare riforme che elevano lo standard per la proprietà delle armi in America, le grandi aziende come la Warner Brothers hanno la responsabilità di agire”, si legge nella lettera.

La folle sparatoria in un cinema ad Aurora ha ucciso 12 persone e ha avuto luogo durante uno spettacolo di mezzanotte del film Il Cavaliere Oscuro – il Ritorno, prodotto e distribuito da Warner Bros.

La lettera arriva dopo che le sparatorie in comunità come El Paso, Texas e Dayton, Ohio, hanno rafforzato le richieste di una riforma sulla regolamentazione sulle armi. Finora, quella difesa non ha ancora prodotto alcuna legislazione significativa. Il presidente Donald Trump, dopo aver inizialmente segnalato che avrebbe appoggiato controlli di fondo più severi e altre restrizioni sulle armi da fuoco, ora sembra allontanarsi dal sostenere qualsiasi nuova legge. Tuttavia, il crescente invito all’azione ha ispirato le risposte di alcune società. Walmart si è impegnata a ridimensionare le vendite di pistole e munizioni, CVS e Walgreens stanno impedendo ai clienti di trasportare armi da fuoco nei loro negozi, e circa 150 capi di aziende come Uber, Twitter e Airbnb hanno inviato una lettera al Senato chiedendo un’azione contro violenza armata.

Joker è incentrato su un uomo mentalmente disturbato (Joaquin Phoenix) le cui aspirazioni di diventare un standup comedian sono deragliate, facendogli perdere il contatto con la realtà e facendolo diventare il simbolo di una rivolta armata e violenta. La performance di Phoenix è stata molto apprezzata e il film ha vinto il Leone d’Oro al Festival del cinema di Venezia di quest’anno.

Igor Volsky, direttore esecutivo di Guns Down America, un’organizzazione di patrocinio che ha aiutato le famiglie delle vittime della sparatoria di Aurora a realizzare la lettera, ha affermato che i sottoscrittori non sostengono che i film di Hollywood ispirino la violenza, come alcuni potrebbero facilmente fraintendere.

Piuttosto, Volsky ha affermato che il suo gruppo e le sue organizzazioni vogliono che aziende come la Warner Bros. aiutino a esercitare pressioni sui legislatori affinché approvino leggi più restrittive sul controllo delle armi.

Fonte: Variety