City of Crime

Sono trascorse ormai diverse settimane dalla tragica notizia della scomparsa di Chadwick Boseman. Tuttavia, gli omaggi all’interprete di Black Panther nel MCU, morto all’età di 43 dopo aver combattuto per quattro anni contro un cancro al seno, continuano ad arrivare. L’ultimo in ordine di tempo arriva da Sienna Miller, co-star dell’attre nel thriller poliziesco City of Crime.

In una recente intervista con Empire Magazine, l’attrice britannica ha rivelato che Boseman è stato il motivo principale che l’ha spinta ad unirsi al progetto, rivelando che l’attore pagò parte del suo salario pur di assicurarsi che entrambi ricevessero lo stesso compenso. “Chadwick ha anche prodotto quel film ed ha cercato in tutti i modi di convincermi a farlo”, ha spiegato Miller. “Era un fan del mio lavoro, ed è stato elettrizzante perché ovviamente la cosa era reciproca. Era un periodo particolare per me, perché stavo lavorando senza sosta. Ma avevo voglia di lavorare con lui.”

Poi ha aggiunto: “Ero riluttante a tornare sul set anche per la mia famiglia. Volevo stare con loro e così ho detto: ‘Lo farà soltanto se il compenso sarà adeguato’. Così Chadwick ha donato parte del suo stipendio per arrivare alla cifra che avevo chiesto e mi disse che era quello che mi meritavo. È stata una delle cose più sbalorditive che mi siano mai accadute. Perché semplicemente queste cose non accadono. È semplicemente inimmaginabile che un altro uomo a Hollywood si comporti in maniera così gentile e rispettosa nei confronti di una donna. 

City of Crime (in originale 21 Bridges) è uscito nelle sale nel 2019 ed è stato prodotto da Anthony e Joe Russo, visionari registi di Avengers: Endgame. Nel film Chadwick Boseman interpreta Andre Davis, un detective del Dipartimento di Polizia di New York che, dopo la morte di due poliziotti e la scoperta di una gigantesca cospirazione, si lancia in una vera e propria caccia all’uomo.