Ghostbusters: Legacy

Finn Wolfhard, star di Stranger Things, ha parlato dell’attesissimo Ghostbusters: Legacy, rivelando che l’approccio al film scelto dal regista Jason Reitman sarà fedele ai film originali.

 

In una recente intervista con NME, Wolfhard ha spiegato che anche i fan di lunga data di Ghostbusters troveranno in Legacy “un approccio molto, molto fedele alla saga” e al film originale del 1984. In merito invece ai neofiti del franchise, l’attore ha invece specificato che “prima di tutto, Ghostbusters riguarda la famiglia e le relazioni che questi personaggi hanno costruito.”

Finn Wolfhard ha anche rivelato che il film sarà “molto divertente”. Ovviamente le dichiarazioni del giovane attore vanno prese con la massima cautela, soprattutto quelle in relazione alla fedeltà dell’approccio narrativo alla saga originale. Tuttavia, è interessante notare come Wolfhard abbia sottolineato gli aspetti legati alla famiglia e alle relazioni umane, qualcosa sulla quale Reitman avrà probabilmente lavorato molto bene, considerati anche alcuni dei suoi precedenti lavori come Juno, Young Adult e Tully. 

LEGGI ANCHE – Ghostbusters: Legacy, Bill Murray conferma il suo ritorno e parla della storia

A più di trent’anni dall’uscita nelle sale dell’iconico Ghostbusters, il cast originale, composto da Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson, Sigourney Weaver e Annie Potts di nuovo insieme per ridar vita a una delle saghe cinematografiche più amate della storia. Diretto da Jason Reitman, il film sarà nelle sale dall’estate 2020 prodotto da Sony Pictures e distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia. Tra i protagonisti anche Mckenna Grace, Finn Wolfhard, Carrie Coon e Paul Rudd.

Ghostbusters: Legacy, diretto da Jason Reitman e prodotto da Ivan Reitman, è il nuovo capitolo della saga originale Ghostbusters. Arrivati in una piccola città, una madre single e i suoi due figli iniziano a scoprire la loro connessione con gli Acchiappafantasmi originali e la segreta eredità lasciata dal nonno. Ghostbusters: Legacy è scritto da Jason Reitman & Gil Kenan.