star wars: l'ascesa di skywalker

Nei giorni scorsi vi avevamo riportato le dichiarazioni del co-sceneggiatore Chris Terrio in merito al ruolo palesemente ridotto del personaggio di Rose Tico in Star Wars: L’Ascesa di Skywalker. Adesso, è stata la stessa Kelly Marie Tran – interprete del membro della Resistenza – ad affrontare la questione in una recente intervista con l’Hollywood Reporter.

 

L’attrice ha parlato non solo della riduzione del suo ruolo – appare in scena “soltanto” per 76 secondi – ma anche delle difficoltà riscontrate nel girare le scene che prevedevano il coinvolgimento del personaggio di Leia Organa e della partecipazione di Rose alla battaglia finale su Exegol.

A proposito del suo ruolo nel film e delle scene con Carrie Fisher, l’attrice ha spiegato: “La cosa difficile è stato recitare basandosi su delle riprese già esistenti. Invece di avere un attore di fronte a te e reagire a quello che diceva, ti ritrovavi nel bel mezzo delle riprese a guardare come l’attore recitava quella battuta per poi provare ad immaginare una reazione. È stata un’esperienza molto diversa per me, quindi mi ci è voluto un po’ per abituarmi. Probabilmente abbiamo girato più volte le scene con Carrie che quelle senza di lei. Una cosa è sedersi, guardare quelle riprese e provare ad immaginare una possibile reazione, ma spesso si trattava di scene di gruppo in cui c’erano tante cose da considerare. Si è trattato di lavorare su momenti specifici che già erano stati girati, quindi è stato un processo più lungo. Penso che tutte le riprese aggiuntive fossero destinate proprio a quei momenti: tutto doveva essere perfetto dato che Carrie Fisher non era fisicamente con noi.”

Parlando invece della battaglia finale su Exegol, a quanto pare il personaggio di Rose doveva avere un ruolo più grande al suo interno: “Probabilmente è stato il più grande set al quale abbia mai preso parte. È stato incredibile vedere ciò che il team degli stunt è riuscito a fare. Era davvero folle correre lungo questa piattaforma: so che si vede soltanto per un secondo nel film, ma abbiamo girato quella scena tantissime volte. Mi ricordo che avevo sempre dei lividi sulle ginocchia il giorno dopo perché correvamo, cadevamo e poi dovevamo girare altre scene. E credo che non siano neanche finite nel film! Era una sorta di caos organizzato con gli Stormtrooper che volavano, la gente a cavallo… una roba folle!”

LEGGI ANCHE – Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, la recensione

Lucasfilm e il regista J.J. Abrams uniscono ancora una volta le forze per condurre gli spettatori in un epico viaggio verso una galassia lontana lontana con Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, l’avvincente conclusione dell’iconica saga degli Skywalker, in cui nasceranno nuove leggende e avrà luogo la battaglia finale per la libertà.

Il cast del film comprende Carrie Fisher, Mark Hamill, Adam Driver, Daisy Ridley, John Boyega, Oscar Isaac, Anthony Daniels, Naomi Ackie, Domhnall Gleeson, Richard E. Grant, Lupita Nyong’o, Keri Russell, Joonas Suotamo, Kelly Marie Tran, con Ian McDiarmid Billy Dee Williams.

Diretto da J.J. Abrams e prodotto da Kathleen Kennedy, Abrams e Michelle Rejwan, Star Wars: L’Ascesa di Skywalker è scritto da J.J. Abrams e Chris Terrio, mentre Callum Greene, Tommy Gormley e Jason McGatlin sono i produttori esecutivi.