justice league zack snyder

Zack Snyder ha ammesso che nonostante il suo amore per il franchise, non pensa che la sua visione da regista potrebbe adattarsi all’attuale universo di Star Wars. Snyder è noto per aver diretto film di supereroi dai toni dark, spesso vietati ai minori: prima ha diretto l’adattamento della graphic novel Watchmen nel 2009; poi ha diretto una trilogia di film che hanno contribuito a lanciare il DCEU, a partire da L’uomo d’acciaio del 2013. Il suo ultimo progetto per la DC, ossia la Snyder Cut di Justice League, uscirà direttamente su HBO Max nel 2021: un nuovo trailer del progetto, pubblicato nel terzo anniversario dell’uscita della versione cinematografica, ha debuttato lo scorso martedì.

 

Considerato il suo record da regista di film appartenenti a franchise di successo, molti si sono chiesti se Zack Snyder fosse interessato a dirigere un film dell’universo di Star Wars, soprattutto da quando nel 2013 ha iniziato a diffondersi una voce che lo vedeva collegato ad un progetto della saga autonomo in stile I sette samurai, che si sarebbe concentrato su una squadra di Jedi Cavalieri. Alla fine quel progetto non si è mai concretizzato; da allora l’universo di Star Wars ha prodotto la trilogia sequel della Saga degli Skywalker, due spin-off e la serie Disney+ di grande successo The Mandalorian. Snyder, nel frattempo, ha prodotto una serie di altri progetti e sta attualmente lavorando a una serie di film zombie per conto di Netflix, oltre naturalmente al suo attesissimo taglio di Justice League.

Ora a Zack Snyder è stato chiesto ancora una volta se sarebbe disposto a dirigere un film di Star Wars. Il tutto è avvenuto durante un’intervista con The Film Junkee (via Screen Rant). La risposta di Snyder, sebbene diplomatica, chiarisce essenzialmente che non ritiene che il suo approccio si adatterebbe all’attuale visione dell’universo della Disney. Il regista ha ammesso di essere un grande fan della saga, dato che lo ha anche ispirato ad iniziare a girare film, ma ha anche ammesso di non sapere più “cosa sia” e di percepire ormai il franchise come qualcosa di molto “lontano da lui”.

“Penso di averne già parlato un po’ in passato. Sono un grande fan di Star Wars. Il motivo per cui ho iniziato a fare film quando avevo 11 anni è stato proprio Star Wars. Sicuramente ha avuto un’enorme influenza su di me e mi ha davvero portato ad intraprendere questa strada, con l’interpretazione di Joseph Campbellian degli archetipi e della narrazione. Sì, Star Wars è questo per me. Nutro da sempre un forte interesse nei confronti della saga. Non credo di avere una storia pronta ora che… non saprei più inserirmi nell’universo di Star Wars. Non credo di sapere più cosa sia. È una cosa che amo, ma non so se… forse si è troppo allontanata da me. Anche se adorerò sempre il franchise. Ho spade laser ovunque in casa.”