Scarlett Johansson è entrata a far parte del MCU con l’uscita in sala di Iron Man 2 del 2010: questo significa che Vedova Nera ha preceduto l’arrivo sul grande schermo di personaggi come Thor e Captain America. Presentata come Natalie Rushman, la sua vera identità è stata rivelata durante l’atto finale del film, quando il suo collegamento con lo S.H.I.E.L.D. è venuto alla luce.

Da allora, Vedova Nera è diventato un pilastro del franchise dedicato ai Vendicatore, assumendo anche un ruolo da protagonista in Captain America: The Winter Soldier. Dopo essere stata uccisa in Avengers: Endgame, Natasha tornerà con il suo primo film in solitaria, l’attesissimo Black Widow, che sarà ambientata tra gli eventi di Captain America: Civil War e quelli di Avengers: Infinity War.

Nel libro di recente pubblicazione “The Black Widow: The Official Movie Special Book” (via CBM), Scarlett Johansson ha spiegato perché è ora il momento giusto per un film interamente dedicato a Vedova Nera, e perché sarebbe stato il contrario subito dopo il suo debutto nel MCU.“Se all’epoca avessimo realizzato uno standalone dedicato a Vedova Nera, sarebbe stato un film totalmente diverso da questo. Il sacrificio di Natasha in Avengers: Endgame mi ha dato una prospettiva completamente diversa su chi è”, spiega l’attrice. “Prima, non credo che sarei stata in grado di mostrare alle persone chi è veramente Natasha, di mostrare il suo nucleo emotivo e, soprattutto, cosa la guida”. 

“Non credo che saremmo stati in grado di andare così in profondità allora. Probabilmente sarebbe stato molto più di un semplice thriller di spionaggio… forse sarebbe stato molto più appariscente, in un modo diverso, ma avremmo semplicemente grattato la superficie di ciò che invece facciamo in questo film”. Le parole di Johansson hanno indubbiamente senso, ma sarebbe stato comunque divertente vedere come un film di Vedova Nera si sarebbe adattato ai primissimi piani delle Fasi 2 o 3 del MCU. Dopotutto, sono ormai anni che i fan chiedono ossessivamente un film dedicato a Natasha; sfortunatamente, a causa della pandemia, dovremmo aspettare fino al prossimo maggio per vedere cosa ci riserverà la storia di Black Widow.

La regia di Black Widow è stata affidata a Cate Shortland, seconda donna (dopo Anna Boden di Captain Marvel) a dirigere un titolo dell’universo cinematografico Marvel, mentre la sceneggiatura è stata riscritta nei mesi scorsi da Ned Benson (The Disappearance of Eleanor Rigby). Insieme a Scarlett Johansson ci saranno anche David HarbourFlorence Pugh e Rachel Weisz.

In Black Widow, quando sorgerà una pericolosa cospirazione collegata al suo passato, Natasha Romanoff dovrà fare i conti con il lato più oscuro delle sue origini. Inseguita da una forza che non si fermerà davanti a nulla pur di sconfiggerla, Natasha dovrà affrontare la sua storia in qualità di spia e le relazioni interrotte lasciate in sospeso anni prima che diventasse un membro degli Avengers.