Christopher Nolan Tenet set

Secondo alcune nuove indiscrezioni, è improbabile che Christopher Nolan realizzi il suo prossimo film insieme alla Warner Bros. Il regista e lo studio hanno alle spalle una lunga collaborazione, che va avanti ormai da quais due decenni: WB, infatti, ha gestito la distribuzione nazionale e internazionale di tutti i film di Nolan a partire da Insomnia del 2002.

 

La fruttuosa relazione ha visto inanellare una serie di progetti di successo, inclusi tutti e tre gli episodi della trilogia de Il Cavaliere Oscuro e altri titoli non appartenenti a franchise come Inception, Interstellar e Dunkirk. L’ultimo sforzo di Nolan, Tenet, era inizialmente previsto per l’estate del 2020, prima che lo scoppio della pandemia di Coronavirus costringesse l’industria cinematografica mondiale ad una rivalutazione completa dei suoi piani.

Alla fine Tenet è stato presentato in anteprima, esclusivamente nelle sale, lo scorso settembre, nella speranza di dare agli esercenti una spinta tanto necessaria in un periodo di forte crisi come quello che stiano – purtroppo – ancora vivendo. Sfortunatamente, Tenet non si è rivelato il successo che molti credevano, arrivando ad incassare soltanto 57,9 milioni di dollari a livello nazionale (e 363,1 milioni in tutto il mondo). Tale performance ha palesato quanto possa essere rischioso distribuire un grande blockbuster nelle sale in un periodo di forte crisi come quello attuale, e ha certamente contribuito ad influenzare la decisione di Warner Bros. di far uscire l’intero listino del 2021 in contemporanea nelle sale e su HBO Max.

Nolan, che è da sempre un estremo sostenitore dell’esperienza cinematografica in sala, è stato molto critico nei confronti della mossa attuata da WB. Ora, sembra addirittura che il regista non sia più intenzionato a lavorare con lo studio. Un nuovo rapporto del Wall Street Journal, infatti, suggerisce che Nolan è intenzionato a realizzare il suo prossimo progetto con un altro studio, essenzialmente a causa delle sue opinioni nei confronti della strategia messa in atto da WB per quanto riguarda la distribuzione dei titoli in uscita quest’anno.

Nell’articolo della fonte si legge: “Dopo aver trascorso anni in qualità di uno dei migliori registi della Warner Bros., Christopher Nolan, che ha scritto e diretto Tenet lo scorso anno, è improbabile che torni a lavorare con lo studio per il suo prossimo progetto, in parte perché – secondo persone che hanno familiarità con la questione – sarebbe rimasto deluso dalla strategia di distribuzione ibrida messa in atto dallo studio per il 2021.”

Christopher Nolan vs WB, ma non solo…

Vale la pena ricordare che Nolan non è l’unico “talento” della WB che non ha particolarmente digerito la mossa drastica dello studio. Secondo quanto riferito, anche James Gunn è insoddisfatto del fatto che The Suicide Squad arriverà su HBO Max, così come Denis Villeneuve, regista di Dune, che ha accusato la compagnia di non provare “alcun amore per il cinema”. In attesa di un commento ufficiale da parte di Nolan sulla questione, resta da capire se altri registi decideranno di seguire il suo esempio…