Ewan McGregor tornerà a vestire i panni di Obi-Wan Kenobi nell’omonima serie di Star Wars che debutterà prossimamente su Disney+. L’ultima volta che l’attore ha interpretato il Maestro Jedi è stato ne La Vendetta dei Sith del 2005, il capitolo finale della trilogia prequel.

Ora, in una lunga intervista con The Hollywood Reporter, McGregor ha parlato della sua esperienza con i prequel della celebre saga fantascientifica, ammettendo di aver avuto non pochi problemi con la “dipendenza” di George Lucas dagli effetti visivi. “George ama la tecnologia e ama esplorare quel mondo. Voleva un controllo sempre maggiore su tutto ciò che sarebbe apparso sullo sfondo, ha spiegato l’attore, rivelando che all’epoca in cui il film uscì nelle sale, aveva ormai sviluppato una vera e propria avversione nei confronti del blue screen.

“Dopo tre o quattro mesi, diventa davvero noioso, specialmente quando le scene sono… non voglio essere scortese, ma non stavamo recitando Shakespeare”, ha detto McGregor. “Non c’erano ambientazioni reali ed è stato molto difficile, soprattutto perché i dialoghi non ti permettevano di scavare chissà quanto in profondità. È stato abbastanza difficile.” 

Naturalmente, anche la serie Obi-Wan Kenobi vedrà l’impiego di effetti visivi, ma in maniera totalmente diversa, grazie all’utilizzo della tecnologia “StageCraft”, impiegata per la prima volta da Jon Favreau in The Mandalorian. “Proietteranno gli sfondi virtuali su questo enorme schermo LED”, ha spiegato McGregor. “Quindi, se la scena prevede che tu sia nel deserto, ti troverai realmente nel mezzo di un deserto. Se dovrei trovarti nella neve, sarai realmente circondato dalla neve. E se dovrai essere nella cabina di pilotaggio di uno Startfighter, ti ritroverei davvero nello spazio. Ti sembrerà tutto molto più reale.”

L’attore non ha potuto rivelare di più in merito alla serie, ma ha spiegato di aver sostenuto degli screen test con altri attori e con la regista Deborah Crow, elogiando le qualità di quest’ultima. Quando gli è stato chiesto se ad uno di questi screen test fosse presente anche un giovane Luke Skywalker, l’attore ha ironizzato: “È probabile. Non lo so.”

Ewan McGregor sui prequel di Star Wars: “È stata dura accettare che non fossero ben accolti.”

Tornando a parlare della trilogia prequel di Star Wars, Ewan McGregor ha comunque ammesso che è stato difficile, all’epoca, convivere con la risposta negativa che tutti e tre i capitoli avevano generato: “È stata dura accettare che non fossero ben accolti. È stato davvero difficile. Credo che si possa dire che non siano stati molto apprezzati a livello mondiale.”