avengers 4 marvel studios

Il capo dei Marvel Studios, Kevin Feige, continua a pensare che, nel corso dei 13 anni di operatività dei Marvel Studios, il più grande rischio che lui abbia corso sia stato quello di affidare a Robert Downey Jr. il ruolo di Tony Stark/Iron Man.

Ora lo ricordiamo come il film evento, l’inizio di tutto, ma Iron Man, del 2008, non è stato affatto un film facile da portare a termine. A metà degli anni 2000, la Marvel ha avuto l’idea di finanziare i propri film in modo da avere il controllo creativo totale sui propri progetti. A quel punto, stavano ancora collaborando con altri studi come Fox e Sony per proprietà come X-Men e Spider-Man. Quando è trapelata la notizia che avevano scelto Iron Man come loro eroe inaugurale, molti si sono detti scettici; per cominciare, il personaggio era considerato di serie B nei fumetti. Non solo, i Marvel Studios hanno aumentato il rischio, scegliendo Jon Favreau come regista, che all’epoca era principalmente conosciuto come regista indipendente, e soprattutto Robert Downey Jr. come protagonista. E vale certo la pena dire che all’epoca, Downey Jr. stava uscendo da una battaglia personale con la droga che lo aveva condotto anche in prigione.

Nonostante tutto, Iron Man si è dimostrato uno dei film basato sui fumetti più celebri di tutti i tempi. Downey si è rivelato l’attore perfetto per il ruolo; la sua interpretazione è stata una delle parti migliori del film. Guardando indietro, Feige ha detto a CinemaBlend che se non fosse stato per lui, l’MCU non sarebbe dove è adesso. Quindi, mentre da una parte quella scelta rappresenta ancora oggi il rischio più grande che Feige ha corso fino ad ora, è anche quella che ha portato al risultato più importante e significativo per il franchise.

“Ho avuto la fortuna di essere coinvolto nei primi film di Spider-Man e X-Men. Ma volevamo fare un film di Iron Man – ha detto Kevin Feige – E penso, comunque, che il rischio più grande – che sembra oltraggioso da dire ora – sia stato il casting di Robert Downey Jr. È stato sia il rischio più grande e allo stesso tempo la cosa più importante nella fondazione del Marvel Cinematic Universe. Senza Robert, non saremmo seduti qui oggi. Lo credo davvero.

Era un attore straordinario. Tutti sapevano che era un attore straordinario. Ma non era mai stato una star d’azione. Non era necessariamente una star protagonista. E ci siamo subito resi conto che il rischio, l’ho già detto prima, sarebbe stato non averlo scelto. E Jon Favreau aveva davvero quella visione per quel film e per Robert in quel ruolo.”

E senza dubbio Robert Downey Jr., ancora oggi, è l’uomo immagine del Marvel Cinematic Universe e forse anche per questo la dipartita del suo personaggio segna una chiusura importante con il passato e con le prime tre Fasi dell’universo condiviso Marvel.