Black Panther: Wakanda Forever è stato terapeutico per Lupita Nyong’O

-

Durante un’intervista con THR, Lupita Nyong’o ha parlato della difficile esperienza di dover riprendere il ruolo di Nakia sul set di Black Panther: Wakanda Forever e di quanto il processo sia stato terapeutico per lei. Ricordiamo che il cast del film e il franchise tutto si è trovato a dover affrontare la terribile mancanza del suo protagonista, Chadwick Boseman, venuto a mancare a causa di un tumore all’età di 44 anni.

“Realizzare questo film contro ogni previsione è un’affermazione potente di per sé – ha spiegato l’attrice Premio Oscar – e sono molto orgogliosa di averlo fatto. È stato molto terapeutico. Mi ha restituito un senso di speranza nel realizzarlo, e penso che abbiamo ampliato il mondo del Wakanda in modi che lasceranno a bocca aperta le persone, non solo il Wakanda, ma il mondo di Black Panther. Lascerà a bocca aperta le persone e non vedo l’ora che non sia più un segreto”.

Black Panther: Wakanda Forever, le storie che racconta il primo trailer

I dettagli ufficiali della trama sono ancora nascosti, ma ci è stato assicurato che il sequel del MCU onorerà il defunto Chadwick Boseman mentre continuerà l’eredità del suo personaggio, T’Challa. Black Panther: Wakanda Forever arriverà nelle sale l’11 novembre 2022. Il presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, ha confermato che T’Challa, il personaggio interpretato al compianto Chadwick Boseman nel primo film, non verrà interpretato da un altro attore, né tantomeno ricreato in CGI. Il sequel si concentrerà sulle parti inesplorate di Wakanda e sugli altri personaggi precedentemente introdotti nei fumetti Marvel.

Letitia Wright (Shuri), Angela Bassett (Ramonda), Lupita Nyong’o (Nakia), Danai Gurira (Okoye), Winston Duke (M’Baku) e Martin Freeman (Everett Ross) torneranno nei panni dei rispettivi personaggi interpretati già nel primo film. L’attore Tenoch Huerta è in trattative con i Marvel Studios per interpretare il villain principale del sequel.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Resurrected spiegazione finale

Resurrected: la spiegazione del finale del film horror

Una tipologia di opere tanto recente quanto apprezzata è quella del screenlife film (o first person shot), in cui lo schermo cinematografico diventa lo...
- Pubblicità -